Sabato 26 Marzo 2011

Nube dal Giappone:
«Nessun pericolo»

Monza - «Non si tratta di una vera e propria nube radioattiva ma piuttosto di tracce disperse e diluite nell'atmosfera che solo grazie ai sofisticati strumenti di misura odierni è possibile misurare.»

Nube di Fukushima, nessun pericolo per l'Italia: l'assicura il meteorologo Daniele Olivetti del portale 3bmeteo. Le particelle emesse dalla centrale Giapponese hanno attraversato l'Oceano Pacifico e gli Stati Uniti, ed ora sono in procinto di raggiungere l'Europa. Nel lungo tragitto le concentrazioni si sono diluite enormemente e già in California erano di milioni di volte inferiori a quelle che potrebbero risultare dannose per la salute umana.

«I valori attesi - continua Olivetti - vanno dai 100 a 1.000 milionesimi di becquerel (unità di misura della radioattività) per metro cubo di aria. Questo significa che la dose di radiazioni che arriverà, sarà di mille, diecimila volte inferiore rispetto a quella che giunse dopo Chernobyl. Inoltre le particelle vagheranno in alta atmosfera e l'eventuale esposizione sarà molto rapida».

«Pertanto - conclude - la quantità di radiazione che potrebbe derivare dall'eventuale passaggio di particelle radioattive è di gran lunga inferiore alla quantità che subiamo ogni anno dal suolo terrestre. Non esiste dunque alcun rischio per la salute umana, così come non esiste alcun pericolo di contaminazione per l'ambiente naturale».

r.magnani

© riproduzione riservata