Venerdì 14 Dicembre 2012

Prostata e tumore
nuovi metodi di cura

«Unire le forze attorno al paziente»: si potrebbe riassumere così il nuovo approccio contro il cancro alla prostata elaborato dal Progetto PerSTEP, ideato dalla Società italiana di urologia oncologica (Siuro) e dal Collegio italiano degli oncologi ospedalieri (Cipomo), e presentato a Milano.

PerSTEP significa Percorso teorico-pratico in ambito uro-oncologico, ed è stato realizzato grazie al contributo incondizionato di Sanofi. Sono state coinvolte 4 realtà ospedaliere nazionali: gli Ospedali Riuniti di Bergamo, il Policlinico Sant'Orsola Malpighi di Bologna, l'Ospedale Sant'Anna di Como e l'Istituto nazionale dei tumori di Milano.

Centri diversi per tipologia di pazienti, modalità lavorative e modelli organizzativi, «ma che hanno deciso di mettersi in gioco – spiegano gli ideatori del progetto – aprendosi al confronto: un primo passo verso altri Paesi come Stati Uniti, Germania, Inghilterra e Olanda, dove sinergia e collaborazione multidisciplinare sono routine».

«Per i pazienti con tumore alla prostata - ha spiegato Roberto Labianca, presidente Cipomo e oncologo dei Riuniti – la multidisciplinarietà rappresenta un approccio vincente che vede urologi, oncologi, radioterapisti, patologi e psicologi lavorare in sinergia nell'ottica di una migliore gestione del paziente».

Per incidenza e diffusione il cancro alla prostata equivale nell'uomo al tumore al seno per le donne: 1 uomo su 16 con più di 50 anni è a rischio. Ad oggi sono circa 217 mila gli italiani che convivono con la malattia. Prevenzione, nuove terapie e farmaci fanno registrare in diminuzione la mortalità.

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags