Mercoledì 14 Luglio 2010

Nuova Meriva
super ecologica

Ad appena un mese dal lancio, sono 25.000 gli ordini già raccolti per la nuova Opel Meriva in tutta Europa, di cui oltre 3.000 solo in Italia, uno dei mercati leader per Opel, anzi il secondo per importanza dopo quello tedesco. Dal lancio, avvenuto con un porte aperte il 29 e 30 maggio scorsi, in Italia sono già più di 3.000 le richieste arrivate nelle varie concessionarie.

E a giugno, grazie alle prime immatricolazioni del nuovo modello, Meriva ha riconquistato il vertice del segmento delle piccole monovolume nelle vendite a clienti privati. «Dopo il successo commerciale di Insignia e della nuova Astra a 5 porte il pubblico mostra di premiare ancora i nuovi prodotti Opel, caratterizzati da un design sportivo e raffinato, dall'introduzione di innovazioni tecnologiche inedite, dall'efficienza della gamma motori a disposizione e da prezzi competitivi nel cuore del segmento», ha commentato Roberto Matteucci, amministratore delegato di Opel.

Proposta al lancio con la motorizzazione benzina 1.4, offerta nella versione aspirata da 100 cavalli e in quella turbo da 120 e 140 cavalli, Nuova Meriva si prepara ora a sfidare il mercato con una gamma Diesel completa, offrendo una risposta ad oltre il 55% di clienti che nell'acquisto di una monovolume predilige questo tipo di alimentazione rispetto al benzina. Due le nuove motorizzazioni Diesel che vanno ad arricchire la gamma già esistente della Meriva: un 1.7 Cdti da 110 cavalli e un 1.3 Cdti ecoFlex da 95 cv.

Al suo debutto nella gamma, merita una particolare attenzione il 1.3 ecoFlex, un motore con combustione a ciclo chiuso e una tecnologia avanzata di riduzione dei consumi, la cui prima applicazione è avvenuta sull'Insignia. Questo propulsore dispone, inoltre, di un turbocompressore a geometria variabile e di una trasmissione più efficiente. Il tutto permette alla Nuova Meriva di ridurre i consumi e le emissioni: 4.5 l/100 km e 119g/km di emissioni. L'innovativo 1.7 Cdti, con cambio manuale a 6 rapporti, è più potente e può sfruttare un sistema di combustione ottimizzato in grado di ridurre il livello di compressione, introducendo allo stesso tempo un sistema di iniezione di nuova generazione che prevede otto iniettori per ogni ciclo.

Questo turbocompressore è, inoltre, dotato di un sensore di posizione per un controllo più preciso della pressione del turbo. Il resto lo fanno il nuovo collettore di aspirazione ed una turbina a controllo completamente elettronica. Gli ingegneri hanno diminuito il voltaggio delle candele di modo da ridurre il carico del generatore in caso di surriscaldamento del motore. Tutti i motori Diesel della gamma della nuova Meriva sono dotati di filtro antiparticolato di serie e rispettano le norme sull'inquinamento Euro 5.

Daniele Vaninetti

a.ceresoli

© riproduzione riservata