Giovedì 10 Gennaio 2013

Peugeot 2008
Crossover urbano

Come ampliamento del concetto 208 e capitalizzando il successo del crossover 3008, nasce il crossover urbano 2008 di Peugeot. Sarà commercializzato nella primavera prossima ed è il primo modello del brand transalpino pensato fin dalle origini per il mercato mondiale tant'è che sarà costruito in tre stabilimenti distinti in prossimità dei suoi mercati: Mulhouse (Francia), Wuhan (Cina) e Porto Real (Brasile).

Con i suoi obiettivi mondiali, 2008 imprime al marchio del Leone una nuova dinamica, in linea con la strategia di sviluppo della sua offerta crossover e con la volontà di conquistare nuovi clienti. In un mondo in continua evoluzione e sempre più urbanizzato, si sta sviluppando una nuova generazione di clientela dinamica, disinvolta e dagli interessi più svariati, alla ricerca continua di prodotti che soddisfino le proprie esigenze.

Partendo da queste precise osservazioni, il marchio francese ha redatto un capitolato decisamente severo, da cui è nato il nuovo crossover che, in appena 4,16 metri di lunghezza, associa la guida tipica della berlina e la robustezza e l'abitabilità del Suv, modularità e comfort compresi. Il nuovo 2008, quindi, è una vettura polivalente adatta a tutti i clienti, pensata per affrontare la città, tutti i fondi asfaltati ma anche no.

Una vettura «visivamente» robusta, grazie all'assetto rialzato di 25 mm, agli scivoli di protezione anteriore e posteriore, alle modanature laterali in acciaio inox e ai cerchi da 17” diamantati con finiture opache. I passaruota, arcuati, si raccordano piacevolmente ai paraurti e alle parti inferiori della carrozzeria di colore nero.

Il frontale, esaltato dalla calandra cromata, ripropone le soluzioni stilistiche più recenti di Peugeot. I nuovi proiettori dalle linee affusolate sono un tutt'uno con il frontale e gli conferiscono un carattereancora più espressivo, tecnologico e personale. Questo «sguardo» è poi sottolineato dalle luci diurne a Led. Il cofano e i parafanghi completano quest'impressione di potezione e robustezza. Le generose superfici vetrate, tra cui il tetto «ciel» panoramico, sottintendono uno spazio interno ampio e aperto sul suo ambiente.

Il bagagliaio, dalla soglia di carico bassa, è contraddistinto da un'ampia scalfatura centrale. Il grande portellone incorpora parte del gruppo ottico. I tre «artigli» luminosi, rischiarati alla base da alcuni Led, sembrano sospesi all'interno del loro alloggiamento. Il movimento dinamico ed elegante del tetto influenza anche le linee laterali. Le barre leggermente arcuate completano i riferimenti al dinamismo e al tempo libero di 2008.

Le motorizzazioni di ultima generazione beneficiano della leggerezza e del particolare profilo della silhouette per un'esperienza di guida inedita abbinata a consumi che sono un vero punto di rottura. Grazie alla tecnologia dei motori Diesel e-HDi e ai 3 cilindri benzina 2008 si differenzia dalla concorrenza per valori di CO2 a partire da 99g/km.

Daniele Vaninetti

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags