Tess è in edicola  La moda rinasce  in un nuovo Eden
Tess in edicola

Tess è in edicola

La moda rinasce

in un nuovo Eden

Como StyleTre top model e un fotografo-artista interpretano le atmosfere sognanti della stagione

I colori fluo di abiti leggiadri, lievi come un plumage virtuale, indossati da tre top model ventenni sono un trionfo di positività per la copertina primaverile di “Tess”. Con questa energia, si presenta in edicola il nuovo numero della rivista di moda e cultura tessile de La Provincia, che racconta la moda attraverso l’ispirazione di punta delle passerelle: il nuovo classico. A Manuel Scrima, fotografo e artista, oltre che cineasta di successo, è affidato il compito di trasmettere le suggestioni evocative di un Eden da sogno, in cui la moda - attraverso un controllato e armonico numero di citazioni - si ripresenta aggiornata ai tempi, sia pure con un tracciato di dejà-vu rassicurante.

Incontriamo Angela Missoni, per parlare di come la straordinaria famiglia della moda riesca a rigenerare costantemente la suggestione estetica dei suoi capi, pur restando fedele all’ispirazione dell’azienda fondata da Ottavio e Rosita Missoni.

Anche L ucilla Bonaccorsi, principessa di autentico sangue blu e collaboratrice della madre Luisa Beccaria in atelier, ribadisce l’impegno a mantenersi coerente con il glamour romantico della Maison, pur parlando il linguaggio dei social network. Tra i giovani emergenti, segnaliamo i comaschi Nicolò Romano, la stilista del brand Oro Not e le studentesse del Centro Studi Casnati - Indirizzo Fashion, che hanno magistralmente interpretato il ritorno del “foulard dress”. Ne scrive per noi Stefano Sacchi, il più autorevole sociologo della moda, mentre con Jean-Gabriel Causse ragioniamo sui significati dei colori, mai così accesi, fino alla tendenza fluo. Con l’imprenditrice Federica Marzorati, che apre a “Tess” e agli scatti del bravissimo Andrea Milano il suo fantastico guardaroba, cerchiamo di capire come stia cambiando la donna di potere, prendendo spunto dall’abbigliamento.

L’architetto, Giorgia Longoni racconta come l’esperienza della maternità, pur con i salti mortali richiesti a ogni mamma, le abbia aperto promettenti orizzonti anche sul piano professionale. Più che le “celebrities”, che pullulano nei magazine fashion, “Tess” cerca di proporre donne di elevato profilo, come Cristina Chirichella, la capitana della Nazionale di Volley o Sibille Anderl, astrofisica e filosofa, trentenne e già di fama mondiale.

Maya Sansa, la più francese delle attrici italiane, parla delle sue inquietudini di madre. In un numero che non si può raccontare, perché merita di essere scoperto, ricordiamo il prezioso dossier dedicato agli archivi delle aziende tessili. Il meglio della classicità che continuamente s’aggiorna, nel segno del Como Style.


© RIPRODUZIONE RISERVATA