Martedì 08 Febbraio 2011

Cuore, ai Riuniti
test gratuiti

Prevenzione per adulti e bambini con l'open day in Cardiologia. Anche quest'anno gli Ospedali Riuniti di Bergamo aderiscono all'iniziativa «Per il tuo cuore» aprendo le porte degli ambulatori della Cardiologia sabato 12 febbraio dalle 9.30 alle 16.30. Test gratuiti per calcolare il rischio cardiovascolare e iniziative speciali per l'educazione ai bambini della scuola dell'infanzia «S. Chiara» per imparare che la prevenzione delle malattie cardiovascolari inizia da piccoli.

Svolgere attività fisica, tenere sotto controllo i valori del colesterolo, seguire una dieta povera di grassi e ricca di frutta, verdura e cereali, controllare la pressione e la glicemia, mantenere un peso corretto e non fumare. Sono queste le 7 regole d'oro che se correttamente seguite possono migliorare drasticamente la salute delle arterie e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari fino al 20%. Grassi, fumo e sedentarietà sono infatti i principali responsabili del processo di aterosclerosi, cioè del restringimento e indurimento delle arterie dovuto alle placche all'interno dei vasi che possono crescere fino al punto di impedire l'afflusso di sangue agli organi vitali provocando infarti, ictus e trombosi.

Queste 7 regole d'oro sono al centro dell'iniziativa «Per il tuo cuore», promossa anche quest'anno dalla Heart Care Foundation e dall'Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, a cui gli Ospedali Riuniti aderiscono con un open day degli ambulatori della Cardiologia (Ingresso 39, piano terra), in programma sabato 12 febbraio dalle 9.30 alle 16.30. Le prime 100 persone che parteciperanno all'iniziativa potranno eseguire gratuitamente il test del colesterolo e la prova della pressione arteriosa. Sulla scorta dei risultati, il personale ospedaliero, con l'aiuto dei volontari della Croce Rossa Italiana e dell'Associazione Cuore Batticuore, calcolerà il rischio cardiovascolare globale a 10 anni.

«Le malattie cardiovascolari rappresentano ancora oggi la principale causa di morte nel nostro Paese – spiega Antonello Gavazzi, primario della Cardiologia degli Ospedali Riuniti -. Nonostante i progressi fatti dalla medicina, il 30% degli uomini e il 40% delle donne tra i 35 e i 74 anni colpiti da infarto muore entro 28 giorni dall'esordio dei sintomi. E chi sopravvive a un attacco cardiaco diventa un malato cronico. Il messaggio che vorremmo trasmettere con questa iniziativa è che la maggior parte dei fattori di rischio delle malattie cardiovascolari sono modificabili cambiando il proprio stile di vita. È questa la strategia vincente per mantenere il cuore in salute, perchè se i fattori di rischio si sommano, le probabilità di andare incontro a un problema cardiovascolare si moltiplicano».

L'educazione a seguire stili di vita sani dovrebbe iniziare fin da piccolissimi, in modo che con il tempo diventino piacevoli consuetudini nella vita adulta. Per questo gli Ospedali Riuniti hanno deciso di coinvolgere nell'iniziativa i bambini della scuola dell'infanzia «S. Chiara» di Via Garibaldi, a pochi passi dalla sede dell'Ospedale. I bambini hanno ricevuto nei giorni scorsi la visita della cardiologa Roberta Rossini, che ha spiegato loro come funziona il cuore e i trucchi per mangiare sano, invitando i piccoli a disegnare il proprio cuore e la piramide alimentare. I disegni saranno appesi nelle sale d'attesa degli ambulatori della Cardiologia e accoglieranno i partecipanti all'open day, insieme ai poster sui 7 passi da seguire per avere un cuore sano, preparati dagli specialisti dei Riuniti.

I bambini della scuola di Via Garibaldi nella mattinata di sabato faranno visita all'ospedale per ammirare i loro capolavori esposti e avere una foto del proprio cuore ottenuta con l'ecocardiogramma. «In un evento volto alla lotta delle malattie cardiovascolari abbiamo pensato che non potessero mancare i bambini, le famiglie e la scuola, primi attori nel processo di prevenzione – conclude Gavazzi -. Quest'ultima infatti non può prescindere dall'educazione alimentare, che dovrebbe iniziare in primis nelle famiglie e nelle scuole».

Gli Ospedali Riuniti consigliano agli interessati di prenotare il calcolo del rischio cardiovascolare globale telefonando al numero 035.269284 nel pomeriggio di venerdì 11 febbraio dalle 15.30 alle 18.30. In alternativa le prenotazioni saranno prese al desk di accoglienza il giorno stesso dell'evento, in ordine progressivo di arrivo, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Domenica 13 febbraio, al Palazzetto dello Sport, prima della finale del singolare maschile degli Internazionali di Tennis di Bergamo, si disputerà la finale dei tornei di doppio misto organizzati dal Dipartimento Cardiovascolare degli Ospedali Riuniti e dall'Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri all'interno dell'iniziativa «Una volée per il tuo cuore». «Durante la finale – spiega il primario della Medicina Cardiovascolare Michele Senni, che ha curato l'iniziativa - gli specialisti degli Ospedali Riuniti spiegheranno al pubblico il significato della campagna “Per il tuo cuore” e sarà possibile calcolare il rischio cardiovascolare grazie alla presenza degli specialisti degli Ospedali Riuniti».

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags