Lunedì 28 Febbraio 2011

Addio per sempre all'influenza:
si prova il vaccino universale

Potrebbe essere la soluzione ideale: si salverebbero più vite, sarebbe la fine di una serie di costi che aziende e stati devono sopportare ogni inverno e si avrebbe una maggiore tutela della salute per tutto l'anno e non solo in determinati periodi.

Si tratta del vaccino universale contro l'influenza sempre disponibile e di lunga durata di cui è partita in Inghilterra la prima sperimentazione sull'uomo per un siero che difende da più ceppi virali e non solo da quelli stagionali.

Lo studio dell'Università di Oxford, guidato dall'immunologa Sarah Gilbert, è stato eseguito su 22 volontari infettati con il ceppo virale Wisconsin. Metà hanno ricevuto il vaccino di nuova generazione e tra di loro i casi di influenza sono stati inferiori.

"Sarà più simile ad un vaccino contro il tetano", giura la ricercatrice, e soprattutto sarà "sempre disponibile e in grado di far fronte a esigenze improvvise". Rispetto ai vaccini attuali, quello universale avrebbe il vantaggio di un richiamo decennale e non annuale.

Non potrebbe essere efficace al 100%, ma in compenso, secondo i ricercatori, avrebbe il pregio di salvare più vite in quanto l'uso sarebbe più tempestivo rispetto ai sieri tradizionali per la cui produzione si impiegano diversi mesi dalla comparsa dei nuovi ceppi influenzali.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags