Sabato 12 Marzo 2011

Scuderia del Lario:
festa da Formula 1

Ieri e oggi sfrecciano a 300 all'ora come una monoposto in pista. Potremmo definirla storica la serata vissuta venerdì al Palace Hotel dalla Scuderia del Lario per la tradizionale cena sociale. Una serata, quella dell'11 marzo, coincidente con il compleanno di Arturo Merzario (68 anni, ma tra due settimane scenderà  di nuovo in pista a Vallelunga per la Lotus Cup Italia 2011), arrivato alla Scuderia del Lario nel 1963 e, dopo essere stato protagonista in F1, adesso saluta come suo discepolo un altro comasco, il giovane Davide Valsecchi, entrato proprio in questi giorni, dopo i sorprendenti test di Barcellona, nella squadra Lotus di F1. Mentre Merzario, al centro della sala, simbolicamente e spiritosamente passa  il testimone a Davide, papà Fiorenzo Valsecchi, da dietro le quinte, alza il pollice per dire: «ce l'abbiamo fatta finalmente».  O quasi. Perché il prossimo step sarà avere un volante in corsa. Davide è arrivato reduce proprio dai test a Barcellona. Felice come una Pasqua, seduto a tavola in buona compagnia, ha ingaggiato con Merzario un bel duetto di battute al microfono: «Non esaltarti: In un mondo di ciechi, gli orbi primeggiano...» ha scherzato Arturo riferito ai buoni tempi fatti da Valsecchi con la Lotus. «Ho battuto Trulli? Mah, forse era fuori forma...», ha ribattuto Davide.

n.nenci

© riproduzione riservata

Tags