Martedì 08 Gennaio 2013

Aradori cinguetta dopo il derby
«Stasera sono stato Prefetto»

CANTÙ - «Sì lo ammetto... Questa sera sono stato PREFETTO..!». Ecco il pensierino, qui riportato nella sua interezza (maiuscole e minuscole comprese), che dopo la partita del Forum Pietro Aradori ha voluto affidare all'etere per il tramite di uno dei suoi quotidiani cinguettii. Insomma, l'eroe dell'ultimo derby ha twettato questa frase nella serata di domenica. «Un tweet volutamente ironico» ammette il giocatore bresciano della Chebolletta, alludendo al divieto prefettizio di trasferta al Forum per i residenti in provincia di Como.

Insomma, una dedica e al contempo una tirata d'orecchie? «Al tempo. Una dedica certamente perché era il minimo che potessi fare per i nostri incredibili tifosi. Quanto alla presunta tirata d'orecchie nei confronti delle autorità, lungi da me anche solo averlo pensato. Io mi tengo fuori da tali tematiche. Ha voluto soltanto essere una cosa simpatica. Che poi senza una gran parte dei nostri tifosi un po' tutti si sia perso qualcosa è un altro discorso. Perché la cornice poteva essere migliore».

Dopo essersi infortunato durante il match contro Siena, aver saltato le sfide con Mosca, Madrid e Caserta, essere rientrato giusto per il tagliando contro Biella, Aradori si è subito proposto quale punto di riferimento imprescindibile per l'attacco brianzolo. «Uno gioca bene se gioca bene la squadra - minimizza -. L'eliminazione dall'Eurolega è stata una ferita, ma ci ha permesso di allenarci dal martedì al sabato due volte al giorno per cinque giorni di fila. Inutile negarlo, tutto ciò ci è stato molto di aiuto».



Leggi l'intervista integrale nell'edizione de La Provincia in edicola martedì 8 gennaio

f.cavagna

© riproduzione riservata

Tags