Arnaboldi inarrestabile  È in finale agli Assoluti
Andrea Arnaboldi ha conquistato la finale dei campionati italiani assoluti a Todi (Foto by Marta Magni Images)

Arnaboldi inarrestabile

È in finale agli Assoluti

In semifinale il canturino si è sbarazzato di Vavassori. Oggi la sfida decisiva con Sonego per il titolo di campione italiano.

Andrea Arnaboldi stupisce ancora e, con una prestazione al limite della perfezione, batte Andrea Vavassori nella semifinale degli Assoluti di tennis, in corso al Tennis club Todi 1971. Oggi l’atto decisivo del “torneo della ripresa”, la finalissima, che Arnaboldi giocherà contro la testa di serie numero 1 Lorenzo Sonego, capace di battere 6-4 7-6 Lorenzo Giustino nell’altra semifinale.

Se contro Gaio in semifinale il canturino aveva compiuto un mezzo miracolo conquistando cinque punti decisivi nel super tie-break sul 9-6 per l’avversario, ieri è andata in scena una partita che è sembrata quasi un’amichevole.

Non è certamente così, perché l’avversario era quotato e pure lui caricato a mille dopo aver battuto Gian Marco Moroni - in maniera del tutto analoga ad Arnaboldi - nell’altra semifinale. Con una prestazione senza sbavature, “Arna” si è sbarazzato dell’avversario (303 al mondo) in un’ora e 8 minuti di gioco, con il punteggio di 6-1 6-2, lasciando all’avversario tre soli giochi, senza mai dargli la possibilità di rientrare in partita, dal momento che non ha concesso palle break. I quattro break di Arnaboldi, invece sono stati letali per Vavassori, a cui il brianzolo ha opposto grandi risposte nei turni di servizio.

Oggi - partita in programma alle 15, diretta su SuperTennis Tv sul canale 64 del digitale terrestre sulla pagina Facebook della tv della Federtennis dopo la finale femminile Martina Trevisan-Jasmine Paolini - Arnaboldi cerca quindi il grande colpo finale, ma sapendo di non essere favorito nei confronti di Sonego (un solo precedente tra i due a livello di challenger vinto dal piemontese nel 2014 quando costui aveva 19 anni) che negli ottavi aveva eliminato il cugino di Andrea, vale a dire Federico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA