Banchini, dice che va bene così «Era importante invertire la rotta»
Tutta la grinta di Marco Banchini, che urla ai suoi ragazzi da dentro l’aria tecnica davanti alla panchina

Banchini, dice che va bene così
«Era importante invertire la rotta»

Il tecnico del Como dopo il pareggio a Pistoia: «A un certo punto ero davvero convinto di vincere».

Il Marcello Melani frutta un punto al Como. Un’inversione di tendenza dopo due sconfitte consecutive per i lariani e un pizzico di soddisfazione per il tecnico Marco Banchini.

Misto alla delusione di poter uscire dal campo anche con l’intera posta, se nel finale di gara alcune situazioni fossero state capitalizzate al massimo e considerando quanto di buono la sua squadra aveva già fatto vedere all’inizio della gara fino al gol del momentaneo vantaggio della Pistoiese.

«Alla fine – il commento del tecnico il giorno dopo rispecchia quello fatto in sala stampa del campo sportivo della Pistoiese – è venuto fuori un pareggio. Per noi, dopo la trasferta a Meda con il Renate e la sconfitta con il Monza in casa, arrivate nei minuti conclusivi dei rispettivi confronti, era decisamente importante invertire la rotta. Questa era tutti gli effetti una trasferta difficile, come sono tutte difficili le partite in serie C».

Certo lo sviluppo dell’incontro lascia spazio anche a qualche recriminazione. A partire dal gol subito nella prima frazione di gioco: «Abbiamo subito gol in una transizione – spiega l’allenatore. Noi li abbiamo presi alti per tutto il primo tempo e Ferrarini, ben liberato, è stato bravo ad accelerare. E dire che fino al primo gol si era giocato a una sola porta e il nostro portiere Facchin aveva dovuto compiere una sola parata fino a quel momento».

«Negli ultimi dieci minuti – ammette Banchini - pensavo di vincere la partita. Ora mercoledì ci aspetta un’altra gara difficile, stavolta con l’Arezzo fra le mura amiche».


© RIPRODUZIONE RISERVATA