Cantù accarezza un Trofeo: date e orari Final Four

Programma Oggi partirà alla volta di Forlì, sede designata per ospitare l’evento che domani e sabato catalizzerà l’attenzione dei tifosi di serie A2 e B

Cantù accarezza un Trofeo: date e orari Final Four
Rogic

Il primo obiettivo della stagione, le Final Four di Supercoppa, è stato raggiunto. Magari in maniera non esattamente brillante, con parecchi meccanismi da registrare, ma Cantù c’è.

E oggi partirà alla volta di Forlì, sede designata per ospitare l’evento che domani e sabato catalizzerà l’attenzione dei tifosi di serie A2 e B.

Chi “snobba” la Supercoppa sbaglia. In tempi di magra – ormai da qualche annetto… -, avere l’opportunità di mettere in bacheca un trofeo, da queste parti è ritenuto assolutamente importante. E la tifoseria già accarezza questo sogno, dopo stagioni non semplici, tra crisi societarie, lockdown e una retrocessione e una promozione mancata all’ultimo.

Cantù, superato il girone eliminatorio come prima in classifica e battuta Trapani in trasferta per i quarti di finale, si è regalata subito un derby lombardo contro una delle annunciate big del campionato di A2, quella Vanoli Cremona che la S.Bernardo è sempre stata solita affrontare in serie A.

Sarà una partita già interessante e probante. Perché sarà un primo duello tra due squadre che ambiscono alla promozione. È in fatti possibile, se le cose andranno bene a entrambe nel corso dell’anno, che possano incrociarsi anche in altre occasioni – vedi Coppa Italia e playoff -, oltre alle due sfide canoniche di campionato. Quindi, al di là del trofeo per cui concorrono, quella di domani sarà anche l’occasione per una prima conoscenza reciproca, per capire pregi e difetti di entrambe.

Ma, all’orizzonte, si profila un’altra sfida. Perché nella parte bassa del tabellone c’è San Severo-Udine, partita in cui i friulani appaiono favoriti. E se Cantù-Udine fosse la finale, allora si riproporrebbe fin da subito la sfida-clou dello scorso anno tra le due favorite per la promozione in serie A. Favorite, ma deluse a fine stagione, perché in A ci sono andate Scafati e Verona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA