Bennet e Cantù, quante storie «Partnership per il territorio»
Bennet torna sulle maglie della Pallacanestro Cantù (Foto by Butti)

Bennet e Cantù, quante storie
«Partnership per il territorio»

Squadra e sponsor riannodano un filo che ha dato tante soddisfazioni

Era stato lo sponsor di riferimento durante la gestione Cremascoli. Lo sponsor di maglia della Cantù in Eurolega e della Cantù che andava a contendere a Siena coppe e finali scudetto.

Il biennio insieme è stato contraddistinto da pienoni al palazzetto. È stata l’ultima grandissima Cantù: quella, per intenderci, del primo Leunen, di Mazzarino, di Micov e Markoishvili.

Era la Bennet Cantù e il marchio che rappresenta la famosa catena di centri commerciali torna in maniera forte a supportare la società. È stato infatti siglato un accordo di sponsorizzazione triennale con Pallacanestro Cantù come Gold Sponsor.

L’azienda avrà quindi il proprio logo sulla maglia ufficiale da gara, sul sopramaglia e sul pantaloncino indossati dalla Pallacanestro Cantù in tutte le partite di campionato, oltre ad eventuali Final Eight di Coppa Italia e playoff. Inoltre, è prevista la visibilità all’interno del palazzetto, sul campo e su altri materiali di comunicazione e iniziative di co-marketing.

«Questa partnership con Pallacanestro Cantù consolida il nostro desiderio di supportare gli importanti progetti del territorio», afferma Adriano De Zordi, amministratore delegato di Bennet. Perché Cantù? «Crediamo alla qualità del progetto e nella serietà delle persone che l’hanno realizzato».

Soddisfazione anche per il club dopo l’accordo: «Pallacanestro Cantù è onorata di poter accogliere nuovamente nella sua squadra un partner così importante. Una collaborazione che acquista ancora più valore perché non è inerente solo all’aspetto sportivo, ma ha anche un forte legame con il territorio» afferma Andrea Mauri, amministratore delegato di Pallacanestro Cantù.

Si riannoda quindi un filo con il passato: «Ringrazio la proprietà che ha deciso ancora una volta di credere in questo club. Per noi è senza dubbio un’iniezione di fiducia e uno stimolo a crescere e a sviluppare sempre più la società nel futuro».



© RIPRODUZIONE RISERVATA