Cairoli e Gilardoni  a caccia dl titolo
KEVIN GILARDONI (Foto by Gianfranco Casnati)

Cairoli e Gilardoni

a caccia dl titolo

Sul circuito francese del Paul Ricard, nel fine settimana l’epilogo stagionale del GT World Challenge Europe e del Lamborghini Super Trofeo Europa

Sul circuito francese del Paul Ricard, nel fine settimana l’epilogo stagionale del GT World Challenge Europe e del Lamborghini Super Trofeo Europa, che vedono rispettivamente Matteo Cairoli e Kevin Gilardoni arrivare da leaders e giocarsi entrambi il titolo. Alla 24 ore di Spa Francorchamps, con un autentico capolavoro di sorpassi nelle fasi finali, Matteo Cairoli con la Porsche 911 del Team Dinamic ha portato via il terzo gradino del podio all’Audi di Dorian Boccolacci e alla Ferrari di Pierguidi.

Impresa quella del comasco che è valsa ad agganciare al primo posto in classifica generale la Mercedes di Raffaele Marciello, uscita di scena nella notte belga per un problema meccanico.

A questo punto Matteo Cairoli con i compagni di squadra Christian Engelhart e Sven Müller devono giocare il tutto per tutto alla 6 Ore di Le Castellet per portare a casa il titolo, che coronerebbe una stagione fantastica dopo la splendida vittoria al Nurburgring. «L’obiettivo è quello di vincere il titolo e daremo il massimo per raggiungerlo – assicura Cairoli – ma sarà un’impresa non facile. In classifica siamo primi a pari punti con la Mercedes, ma in effetti siamo secondi perché i nostri avversari hanno più podi di noi. Ragione in più quindi per stare davanti a loro e le possibilità per riuscirci ci sono». Attesa dunque per il verdetto finale. Il via della gara domani alle 11.15 e la conclusione alle 17.15.

Anche Kevin Gilardoni, dopo la sua terza vittoria di fila, arriva al Paul Ricard da leader con tutte le buone intenzioni di essere incoronato con il Tram Oregon, vincitore del Lamborghini Super Trofeo Europa. «Un massimo di 32 punti ancora da assegnare nelle ultime due gare della stagione – spiega - sette e mezzo in più rispetto quelli che attualmente mi separano dall’inglese Dean Stoneman. L’imperativo è vincere».


© RIPRODUZIONE RISERVATA