Cairoli secondo con polemica  «Perdere così fa male»
Matteo Cairoli al volante della a Porsche del Dempsey-Proton Racing

Cairoli secondo con polemica

«Perdere così fa male»

Automobilismo: bella prova a Spa però successo e titolo vanno a Pier Guidi. Il comasco amaro: «Quelli della Ferrari non hanno vinto meritatamente»

Weekend positivo per Matteo Cairoli, quello concluso domenica sulla pista di Spa Franorchamps per la quinta e penultima tappa dell’European Le Mans Series in attesa del gran finale di Portimão in programma a ottobre. Ma con qualche recriminazione.

Il comasco sale sul secondo gradino del podio nella Lm Gte, dopo aver dominato le qualifiche di sabato ed essere stato da un passo dal successo.

Matteo Cairoli

Matteo Cairoli

Nelle qualifiche, infatti, prestazione monstre di Cairoli che con la Porsche del Dempsey-Proton Racing ha letteralmente volato sul circuito delle Ardenne con un ultimo giro strepitoso, rifilando quasi quattro decimi ad Alessandro Pier Guidi sulla Ferrari del Luzich Racing. Cosa che però non si è verificata in gara, con un secondo posto dietro al ferrarista, che non basta a rimettere il comasco in corsa per il titolo, pesando sulla classifica generale le battute d’arresto di Barcellona e Silverstone.

. «Un’altra stagione troppo sfortunata – lamenta Matteo Cairoli – con la perdita del titolo. Ma la cosa che non mi va giù è che quelli della Ferrari non hanno vinto meritatamente. Perdere così fa proprio male. Loro non avevano un equipaggio regolare. Il nostro è formato da un silver, un bronze che è un bronze vero e da me che sono un gold, in quanto professionista. Loro,invece, corrono con due professionisti e un silver, mentre un bronze non ce l’hanno proprio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA