Cairoli si rifà con gli interessi E il re del Nurburgring è lui
La Porsche condotta da Matteo Cairoli

Cairoli si rifà con gli interessi
E il re del Nurburgring è lui

Un risultato eccezionale per il comasco della Porsche. Successo nella 24 Ore e pronto riscatto. Simoncini è secondo di classe.

Matteo Cairoli si rifà con gli interessi dell’amara delusione di Le Mans di settimana scorsa, vincendo alla grande ieri la mitica 24 Ore del Nurburgring. Primo della classe PRO - AM, una delle più affollate , e quinto assoluto su oltre cento partecipanti. Sul podio anche Mauro Simoncini, secondo della categoria SP4.

Un risultato eccezionale, quello di Matteo Cairoli, al volante della Porsche 911 GT3 R numero 12 di gara del Manthey-Racing, alternandosi alla guida con i tedeschi Otto Klohs e Lars Kern e il norvegese Dennis Olsen.

Arriva secondo di classe alla bandiera a scacchi, invece, Mauro Simoncini, che conclude così felicemente la sua 15esima partecipazione alla 24 ore tedesca, nonostante qualche problema tecnico. In gara con il numero 130 sulla BMW E46 Coupè di classe SP4, in equipaggio con i ticinesi Roberto Barin padre e Simone Barin figlio e il milanese Bruno Barbaro, l’esperto pilota comasco non si è mai arreso di fronte a qualsiasi difficoltà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA