Cairoli speronato a Shanghai E adesso il titolo è in bilico
La Porsche di Matteo Cairoli

Cairoli speronato a Shanghai
E adesso il titolo è in bilico

Gara sfortunata per il pilota comasco della Porsche: alla fine c’è solo un terzo posto

Assegnazione del titolo rimandata all’ultima prova in Bahrain tra due settimane. La 6 Ore di Shanghai, ottava e penultima prova del Mondiale Endurance 2017, non ha dato la risposta che Matteo Cairoli si aspettava dalla trasferta cinese.

Il terzo posto di categoria, infatti, brucia l’esiguo vantaggio di un punto, togliendo la leadership al pilota comasco, che ora dovrà riconqustarla nell’ultimo appuntamento iridato in Bahrain. Il weekend era iniziato bene per Cairoli alla sua prima uscita sui 5,4 chilometri del tracciato cinese, in equipaggio con i suoi compagni di squadra Marvin Dienst e Christian Ried. Nelle prove cronometrate, infatti, il terzetto ha piazzato seconda nella GTE-AM la Porsche 911 RSR del team Demplsey-Proton Racing, ottenendo così di partire da una posizione privilegiata in gara.

Pronti via e tutto sembra andare per il meglio, ma prima di concludere la prima ora di gara,una vettura della classe LMP2 entra in contatto con la Porsche di Cairoli, rallentandone la corsa e costringendo all’inseguimento degli avversari.

Alla bandiera a scacchi taglia per prima il traguardo la Aston Martin Racing Vantage V8 di Paul Dalla Lana, Mathias Lauda e Pedro Lamy, che segna la sua terza vittoria della stagione e si riprende la leadership del campionato. Al secondo posto la Porsche 911 di Ben Barker, Nick Foster e Khaled Al Qubaisi, mentre Cairoli e soci debbono accontentarsi del terzo posto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA