Cantù all’ora di pranzo  Orlandina da “mangiare”
Chris Burns è stato colpito dall’influenza (Foto by Foto andrea Butti)

Cantù all’ora di pranzo

Orlandina da “mangiare”

Basket serie A1 - Oggi alle ore 12 al PalaBancoDesio

con una squadra “influenzata” cerca la vittoria anche in chiave Coppa Italia

Alla fine del girone d’andata mancano soltanto due partite. La prima, oggi, al PalaBancoDesio contro l’Orlandina alle ore 12; la prossima, a Brindisi, al cospetto dell’attuale cenerentola della Serie A di pallacanestro.

Quattro punti in palio, quattro punti da incassare senza se e senza ma per provare a rincorrere gli ultimi posti disponibili per la Final Eight che assegnerà la Coppa Italia,in programma a Firenze dal 15 al 18 febbraio 2018. «Mancano due partite alla fine. Dobbiamo vincerle tutte e due. Abbiamo bisogno dell’aiuto del pubblico e anche di noi stessi», ha detto alla vigilia del match contro Capo d’Orlando coach Marco Sodini.

Il primo scoglio da affrontare si chiama forma fisica. Anche sabato Raucci, Crosariol, Maspero e Burns non hanno potuto allenarsi come avrebbero voluto a causa di febbre, influenza e annessi e connessi. Oggi saranno in campo, o quantomeno all’interno del roster. Inutile dire che sul parquet non potranno essere al 100%.

Detto dei quattro malati – cui si aggiungono Bolshakov e lo stesso Sodini, alle prese rispettivamente con asma bronchiale e febbre – l’altra incognita è rappresentata dalla mano di Culpepper, nient’affatto ben messa dopo il colpo subito nell’ultima gara dell’anno contro Reggio Emilia. «Non mi preoccupa chi non ci sarà. Sono orgoglioso di chi scenderà in campo e sono certo che se alcuni singoli avranno difficoltà a giocare, gli altri lavoreranno il doppio per sopperire alla loro mancanza», sottolinea il tecnico viareggino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA