Cantù-Bologna, è sempre il massimo Anche a livello di ex In campo e fuori
Andrea Crosariol, uno dei tanti ex della partita (Foto by Butti)

Cantù-Bologna, è sempre il massimo
Anche a livello di ex In campo e fuori

Palla a due alle 18.15 per la sfida. E motivi per seguirla ce ne sono tanti

Oggi, palla a due alle ore 18:15, la Red October Cantù di coach Marco Sodini ospita al “PalaBancoDesio” la Virtus Segafredo Bologna per la decima giornata del campionato di Serie A PosteMobile.

Gli avversari dei biancoblù si presentano in Brianza con un bilancio di quattro vittorie e cinque sconfitte nelle prime nove partite disputate, stesso ruolino di marcia di Cantù che in classifica è a pari merito proprio con Bologna e Betaland Capo d’Orlando.

Uno scontro importante in ottica Final Eight, con due punti pesanti in palio, nonostante coach Sodini in settimana abbia più volte dichiarato di tenere i piedi per terra, invitando l’ambiente canturino a guardarsi le spalle dalla zona calda della classifica.

In Cantù-Virtus Bologna non mancano di certo gli ex, due per parte: nella Segafredo, ad aver vestito in passato la maglia biancoblù sono Stefano Gentile e Pietro Aradori, entrambi in Brianza per due stagioni.

Mentre Aradori ha difeso i colori canturini dal 2012 al 2014, il più grande dei fratelli Gentile ha calcato il parquet del “Pianella” dal 2013 al 2015, condividendo lo spogliatoio insieme a Pietro nella stagione 2013-’14, chiusa al secondo posto in regular season a pari merito con la Mens Sana Siena.

Dall’altra parte invece, sponda Red October, ad essere passati dalle “Vu Nere” sono coach Marco Sodini e Andrea Crosariol. L’allenatore nativo di Viareggio è rimasto a Bologna per tre stagioni (2009-2012), mentre il pivot azzurro ha disputato 62 partite in campionato con la canotta bianconera, tra il 2006 ed il 2008.


© RIPRODUZIONE RISERVATA