Cantù, c’è anche Callahan
Da sinistra, coach Kurtinaitis e patron Gerasimenko

Cantù, c’è anche Callahan

Ufficializzato l’ingaggio del lungo statunitense di passaporto italiano.

Ora c’è anche il terzo italiano del roster canturino (diverrebbe il secondo per rilevanza comportando lo slittamento in terza posizione di Parrillo). Si tratta di Craig Callahan, 35enne statunitense naturalizzato italiano (passaporto tricolore acquisito a Brindisi nel 2011). Ala grande di 2.04 (per 105 chili), ama in particolare tirare da dietro l’arco dei 6.75.

Brindisi è anche stata la sua prima squadra italiana con la quale ha conquistato la promozione dall’allora Legadue e vinto una Coppa Italia di categoria.

In seguito, esperienze a Barcellona Pozzo di Gotto, Verona e in serie A a Varese nell’annata 2014-2015 prima di giocare la scorsa stagione a Roma, di nuovo in A2.

Callahan ricoprirà il ruolo di quarto lungo all’interno del pacchetto biancoblù.


© RIPRODUZIONE RISERVATA