Cantù è una squadra in salute E con Trento prova l’aggancio
Davon Jefferson (Foto by Butti)

Cantù è una squadra in salute
E con Trento prova l’aggancio

Domenica alle 12 in trasferta il confronto tra due squadre divise soltanto da due punti

Due squadre al gran completo si annunciano Dolomiti Energia Trentino e Acqua San Bernardo Cantù (reduce da un’ottima settimana di allenamenti) in occasione della sfida domenicale a mezzogiorno (diretta da Lo Guzzo, Vicino e Pepponi) nell’ambito della seconda giornata di ritorno.

A dividerle, in classifica, soltanto due lunghezze. Vale a dire, una vittoria. Proprio quella colta dai brianzoli all’andata a Desio (84-72), che fu la prima di tre consecutive e che segnò il debutto in biancoblù di Davon Jefferson. E dunque in caso di nuova affermazione, la squadra di coach Pashutin agguanterebbe la stessa Trento sopravvanzandola virtualmente in forza del 2-0 negli scontri diretti. Senza spingerci oltre, aggiungiamo soltanto che si tratta di un match che la miglior Cantù può tranquillamente giocarsi alla pari.

La Dolomiti Energia - che aveva iniziato la stagione con 5 sconfitte nelle prime 5 gare - non ha nelle proprie corde gli alti punteggi, tanto che la sua produzione offensiva (77.1 punti di media) è l’ultima tra i 16 team di serie A. Rispetto all’Acqua San Bernardo tira peggio da due (46.8% contro il 52.7%), in modo identico da tre (33.9% per entrambe), cattura meno rimbalzi (35.3 contro 39) e dispensa meno assist (14.8 contro 17.3). Di contro, perde meno palloni (11.9 contro 14.4) e ne recupera di più (8.1 contro 5.4). A tal riguardo, quello di coach Buscaglia è il quintetto che costringe gli avversari a buttar via più palle in assoluto (praticamente 15) nel corso di una partita.

A proposito di quintetto, lo starting five dei bianconeri propone Aaron Craft in regia, Devy Marble guardia, Beto Gomes ala piccola, Davide Pascola ala forte e Dustin Hogue centro. Da dietro entrano gli esterni Toto Forray (a Trento dal 2011...), Fabio Mian e Diego Flaccadori oltre ai lunghi Nikola Jovanovic, Andrea Mezzanotte e Luca Lechtaler.

Infine, da segnalare che per quanto riguarda la zona calda della classifica, Pesaro sarà in campo nell’anticipo casalingo di domani sera contro Brindisi, Reggio Emilia ospiterà domenica Brescia, Torino sarà a Trieste e Pistoia affronterà la trasferta di Mestre contro Venezia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA