Cantù, nessun miracolo Venezia passa  a Desio
Andrea Pecchia a canestro sull’opposizione di Michael Bramos (Foto by foto Butti)

Cantù, nessun miracolo
Venezia passa a Desio

La S.Bernardo ha iniziato male, poi è tornata in partita nel corso della ripresa nel match casalingo contro i campioni d’Italia in carica della Reyer che si impone 75-67.

Venezia passa a Desio, ma dopo aver dato l’impressione di dominare il match, nel corso del secondo tempo si è dovuta guadagnare faticosamente la pagnotta. Finisce 75-67 per la Reyer che ha avuto cinque giocatori in doppia cifra. Per la squadra di casa, top scorer Johnson con 15 punti. In doppia cifra anche Woodard e Kennedy con 14 ciascuno e Pecchia con 12. Venezia senza Stone, Cantù ancora senza il “positivo” Smith.

In cronaca. Cantù tiene fino al 7’ (16-16) poi Venezia inizia a fuggire (16-25 alla prima sirena) a suon di triple (5/7) e stampa un parzialone di 22-4 per il 18-36 al 16’. Ciò a sta a significare che la S.Bernardo ha realizzato solo 4 punti in 9’...

La Reyer tocca il +19 al 16’ (20-39) e all’intervallo lungo il tabellone dice 27-43. Tra i biancoblù (pessimi dalla lunetta con 3/10), 12 i punti di Johnson, mentre gli orogranata da oltre l’arco dei 6.75 stanno tirando 7/12.

Cantù si rianima nel corso del 3° quarto, con Woodard in gran spolvero, mentre Venezia si affida in particolare a De Nicolao per mantenere una parte del margine . Alla terza sirena è 47-55. I brianzoli giungono a -5 al 33’ sul 55-60, dopodiché dapprima una tripla di Bramos e poi un’altra di De Nicolao rilanciano l’Umana sul 55-66 al 34’. Nuovo rientro canturino a 100” dalla fine sul 67-73, ma la rimonta non riesce a essere completata. Peccato per il 9/19 ai liberi e per il 4/15 nelle triple.


© RIPRODUZIONE RISERVATA