Cantù, partita per sopravvivere L’ad Popov: «Sono fiducioso»
Il parterre del PalaBancoDesio con Roman Popov e Nicola Molteni (Foto by Butti)

Cantù, partita per sopravvivere
L’ad Popov: «Sono fiducioso»

Arriva la conferma delle varie trattative in corso: «Stiamo lavorando»

Che ci sia movimento e qualcosa comunque bolla in pentola non lo dicono solo le voci di rimbalzo dei corridoi che, in un paese piccolo dove la gente mormora, comunque possono anche avere la loro valenza.

Osservando la prima fila del parterre infatti si è notata qualche presenza in più del solito, oltre all’ormai sempre presente Antonio Biella di Acqua San Bernardo e l’immancabile Sergio Paparelli. È ritornato l’amministratore delegato Roman Popov e con lui siedono il consulente per il marketing, Angelo Zomegnan, e il sottosegretario al ministero dell’Interno, Nicola Molteni.

Voci di corridoio, appunto, parlano di un incontro, probabilmente prima della partita, con degli intermediari di una cordata interessata che pare, il condizionale è ancora una volta d’obbligo, non essere legata ad Amway, altra realtà che però avrebbe mostrato interesse.

Insomma, qualcosa c’è, si muove, e un paio di discorsi si stanno portando avanti. Non solo voci dicevamo, a confermarlo è proprio l’ad Popov: «Sono fiducioso su come possa svilupparsi la vicenda, stiamo lavorando, ve lo posso assicurare».

Al momento quindi i colloqui aperti sono con più di una cordata: «È vero, stiamo parlando con più di un intermediario, ma per il momento preferisco non espormi sui nomi. È giusto lavorare in silenzio e parlare solo quando c’è qualcosa di concreto, però l’impegno della società su questo fronte è massimo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA