Cappelletti: l’uomo dei record «Non perdiamo da una vita»
Dionigi Cappelletti, allenatore della squadra di basket femminile Le Vigne Cantù

Cappelletti: l’uomo dei record
«Non perdiamo da una vita»

Soltanto vittorie nella storia del Sant’Ambrogio Mariano. «Il merito è di tutti, a partire dalla società. Siamo molto bene organizzati».

«Aspetta che tocco ferro». E ne ha ben donde il superstizioso Dionigi Cappelletti, non solo perché il suo Sant’Ambrogio Mariano Comense sponsorizzato Le Vigne Cantù è imbattuto in serie C femminile.

Ma soprattutto perchè la squadra marianese vanta un primato: non ha mai perso in vita sua. Nata un anno fa in Promozione, da allora non è mai uscita dal campo sconfitta: 24 vittorie su 24 la scorsa stagione a cui sono seguite altre 7 su 7 da neopromossa in C. In totale 31 vittorie consecutive in altrettante gare. Per la legge dei grandi numeri prima o poi perderà, «ma più succede in là, meglio è».

Qual è il segreto ? «Innanzitutto abbiamo un’organizzazione ben precisa in difesa. La nostra regola stampata sulla pelle, è che non molliamo mai in difesa per 40 minuti, indipendentemente da quello che facciamo in attacco. Non per niente subiamo solo 39.3 punti di media (1° difesa delle 28 squadre lombarde di C, nda.). E poi ci sono 12-13 ragazze intercambiabili. Se siamo meno fisicate di tante avversarie, siamo però attrezzate con giocatrici di livello tecnico medio-alto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA