Colpo basso per il Fenegrò  Si materializza la retrocessione
Colpo basso per il Fenegrò, in pratica retrocesso a tavolino: torna in Promozione

Colpo basso per il Fenegrò

Si materializza la retrocessione

Alla fine si è arrivati a un compromesso e a pagarne le spese è stata la squadra comasca di Eccellenza.Dalla Promozione alla Seconda invece è scattato il blocco del salto all’indietro. Salvezza dunque per il Mariano.

Alla fine si è arrivati a un compromesso, ma le premesse sembravano presagire lo scontro totale tra gran parte dei comitati regionali e il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia. Tema, i verdetti dei campionati regionali. Tutti d’accordo sulle promozioni, la partita si giocava sulle retrocessioni.

E la prima sorpresa era “impacchettata” in un comunicato Figc di mercoledì sera, che ha colto tutti, ma proprio tutti, di sorpresa, con parole che suonavano più o meno così: “L’Eccellenza segua l’esempio della D: promossa la prima, retrocesse quelle che devono retrocedere”. In Lombardia, quindi, tre per girone, nel caso del girone A le due comasche Fenegrò (ultimo) e Mariano (terz’ultimo). Non solo, il comunicato sembrava indirizzare anche il resto delle categorie in questa direzione.

Alla fine, dopo la riunione di ieri, a cui hanno partecipato tutti i presidente regionali, si è arrivati a una conclusione tombale: tutte promosse le prime in classifica – e non c’erano dubbi -, mentre in Eccellenza sarà solo una per girone, l’ultima, a retrocedere in Promozione. Quindi, Mariano salvo e Fenegrò retrocesso nel girone A, nel B giù il Cologno, nel C abbandona la categoria il San Lazzaro.

Per quanto riguarda la conclusione degli altri campionati organizzati dai Comitati Regionali, il Consiglio Direttivo si è espresso per un blocco delle retrocessioni, in relazione ai campionati dalla Promozione sino alla Seconda Categoria, in tutte quelle realtà territoriali che presenteranno situazioni di vacanza di organico e, comunque, in presenza di situazioni particolari che hanno caratterizzato la stagione.

Queste decisioni, lasciate all’autonomia dei singoli comitati regionali, dovranno poi essere ratificate in occasione del prossimo Consiglio federale della Figc (e ci sarà domani un direttivo regionale urgente). Almeno in questo caso, sono state rispettate le promesse del presidente del Crl Giuseppe Baretti, che aveva predetto per i dilettanti regionali il blocco delle retrocessioni. Tirando le somme, alla fine è andata male solo al Fenegrò.

Dal Direttivo, è inoltre in arrivo una pioggia di milioni per i dilettanti italiani, uno stanziamento pari a dieci milioni di euro. La riunione, svoltasi alla Sala d’Onore del Coni a Roma, ha sancito la disponibilità di sette milioni di euro per agevolare le società a proseguire l’attività nella stagione 2020/2021 e di restanti tre milioni che verranno destinati alla valorizzazione dei giovani partecipanti alle competizioni dilettantistiche.

«All’esito del Consiglio di Lega – ha commentato il presidente del Comitato Regionale Lombardia Giuseppe Baretti – ho immediatamente convocato per domattina il Consiglio regionale al fine di formalizzare la proposta che avevamo elaborato da tempo relativa alla promozione delle squadre prime classificate per tutte le categorie e con il blocco delle retrocessioni dal campionato di Promozione in giù affinché venga inviata a Roma e sottoposta al vaglio del prossimo Consiglio federale in programma il 25 giugno. C’è soddisfazione ovviamente per i fondi stanziati dalla Lega a favore delle società, fondi che ci permetteranno di sostenerle al momento delle iscrizioni ai prossimi campionati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA