Como, il 29 luglio c’è la Tim Cup  Oggi  l’incontro con Pochesci
Andreucci non è stato confermato dalla dirigenza del Como (Foto by Foto cusa)

Como, il 29 luglio c’è la Tim Cup

Oggi l’incontro con Pochesci

La società si muove sul mercato dopo i segnali positivi sulla possibilità di giocare in C. L’ex allenatore della Ternana resta il primo candidato per la panchina

La prima data per scendere in campo è vicinissima, tra meno di due settimane. Perchè il Como è stato inserito nel tabellone della Tim Cup, che comincerà domenica 29 luglio. E a quanto pare la società intende comunque accettare questo impegno, anche se sinora si è decisamente parlato di tutto, tranne che della nuova squadra da costruire.

Però lunedì prossimo, tra meno di una settimana, si andrà in ritiro, ad Arona. E lì per forza di cose si dovrà arrivarci almeno con un allenatore. E ora che tutto è un po’ più chiaro sul futuro e sulla categoria la scelta del tecnico non tarderà. Prima di domenica si dovrà scegliere per forza, del resto.

Il primo candidato resta Sandro Pochesci, nome già fatto nei giorni scorsi e ribadito nelle scorse ore dalla società. Che oggi lo incontrerà, per capire se l’accordo può essere concluso. Del resto, per il cinquantaquattrenne tecnico ex Ternana, che ha alle spalle una lunga carriera soprattutto in serie D, la condizione sembrava proprio essere quella della categoria. Ora che la C è a portata di mano tutto diventa più semplice.

Sul taccuino di Corda e della società, però, ci sono anche altri nomi. Con caratteristiche anche un po’ diverse. Per esempio quello del più giovane Marco Banchini, 38 anni, lo scorso anno vice di Scazzola alla Casertana, l’anno prima al Siena, dopo qualche anno di esperienza all’estero. Poi c’è anche il nome di Agenore Maurizi, che di esperienza in serie C ne ha molta di più, avendo sempre allenato tra i professionisti. L’anno scorso era alla Reggina.

Forse già stasera, comunque, si potrà avere qualche indicazione in più, quantomeno su Pochesci. Con cui, come detto, il Como parlerà già oggi.

Capitolo squadra. Si era già detto di circa una dozzina di giocatori che ci sarebbero stati comunque. E sarà così. A cominciare da Gentile, Gabrielloni, Buono e Anelli per proseguire con buona parte dei giovani: Bovolon, Cicconi, Loreto, De Nuzzo, Di Jenno, Cicconi, Gobbi e Fusi. Confermato anche l’arrivo a centrocampo dell’esperto La Camera. Ma potrebbe arrivare presto anche la conferma in porta di Matteo Kucich, che probabilmente sarà acquistato per metà dal Parma ma dovrebbe restare a giocare nel Como. La prospettiva della serie C cambia evidentemente un bel po’ le strategie e le vedute dei club di serie A, e con Torino, Inter, Genoa e Udinese, oltre che con lo stesso Parma, si stanno intrecciando rapporti per avere giovani interessanti.

C’è attenzione su due attaccanti,il ventenne promettente Gilles Duguet del Torino - l’anno scorso alla Pro Sesto - e il ventiduenne Simone Monni, l’anno scorso 13 gol in D con la Virtus Bergamo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA