Como Night Run, Molteni e Oberle lasciano il segno
Il passaggio sotto il Duomo e il Broletto di Como (Foto by Butti)

Como Night Run, Molteni
e Oberle lasciano il segno

Uno spettacolo la terza edizione che si è corsa per le vie del centro cittadino

Festa dello sport e festa dell’atletica. La terza edizione della Como night run, è andata in scena ieri sera nel centro cittadino, accompagnata da un tempo splendido e da un buon seguito di pubblico.

Il re è stato Manuel Molteni, in un podio tutto comasco con Mattia Parravicini d’argento e Manuel Bonardi di bronzo.

Anche nel femminile successo made in Como, grazie a Deborah Oberle, che ha messo in fila, nell’ordine, Beatrice Aletti e Nadia Guffanti.

Soddisfatti anche i più piccoli della Kid’s run, che hanno potuto recuperare (alle 18) la loro gara, annullata il 5 maggio scorso a causa del fortissimo vento e della temperatura rigida, quando era abbinata alla Mezza maratona, altra “perla” organizzativa dell’Aries Como Athletic team.

Alle 20, è stata data, all’altezza dei portici di via Plinio, proprio all’ombra del Duomo, la partenza della Como night run, che ha visto oltre duecento atleti al via. Gara veloce e bellissima con due giri attorno alle mura, per un totale di 5 chilometri. Manuel Molteni ha preso subito il comando delle operazioni e si è allontanato dal gruppo.

Il portacolori del Gs Villa Guardia, ha chiuso la fatica con il tempo di 15’31”. Dopo 20” è arrivato Mattia Parravicini (Canturina Polisportiva San Marco), che ha intascato la piazza d’onore. A chiudere il podio (in un autentico giro della provincia, da Villa Guardia, a Cantù all’alto lago con Carlazzo) Manuel Bonardi. Il portacolori dell’Atletica Pidaggia, ha chiuso in 15’56”. Buon 5° alle spalle di Marco Broggi (Zegna) il triathleta di Civenna, Filippo Galli (16’41”). Nella top ten i comaschi Simone Paredi, 7°; Jonathan Tamborini 8°; Paolo Tagliaferi 9° e Stefano Rigamonti 10°.

Nella prova femminile, dominio di Deborah Oberle. L’esponente del Gs Bernatese ha chiuso in 17’57” infliggendo un gap di 1’31” alla seconda, Beatrice Aletti (Nuova Atletica Astro) e di 1’49” alla terza, Nadia Guffanti (Bovisio); 4a Francesca Ambrosino (Multisport Cantù, + 2’18”), 5a Chiara Maffina (Albatese, +2’21”), 6a Sara Mossi (Albatese, +2’50”), 7aPatrizia Cortellezzi (Bovisio, +3’05”), 8a Angela Riggio (A team triathlon,+3’17”), 9a Micaela Paloni (Bergamo, +3’44”), 10aFederica Orsenigo (Canturina, +3’48”).

Spazio anche alla non competitiva, sempre sui 5.000 metri, che è scattata un quarto d’ora dopo quella che ha assegnato i trofei “Alma Clerici alla memoria”, realizzati (al pari delle medaglie consegnate a tutti i partecipanti) dal presidente del comitato Fidal Como/Lecco Giampaolo Riva a ricordo della moglie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA