Daclon, titolo europeo a squadra «E nel giorno della Giorgi...»
Daniele Daclon (primo a sinistra) con la squadra azzurra

Daclon, titolo europeo a squadra
«E nel giorno della Giorgi...»

Il marciatore Master di Lomazzo trionfa nel Veneto

Dopo dieci intensissime giornate si sono conclusi nel Veneto (Jesolo, Caorle, Eraclea gli epicentri) i Campionati europei Master di atletica leggera. Registrata la presenza di oltre 5000 concorrenti provenienti da 61 Nazioni.

Oltre alla partecipazione record da rilevare che gli italiani hanno fatto la parte del leone con un bottino senza precedenti costituito da 127 medaglie d’oro, 106 d’argento e 104 di bronzo. Nell’ordine 34, 24, 29 (pari a 87 podi) quelle della Lombardia.

Unico comasco Daniele Daclon. Originario di Lomazzo (dove risiede ancora la mamma Rosanna), ma trapiantato da anni a Roma per lavoro (laurea in veterinaria), si è fregiato del titolo continentale a squadre nella marcia SM55.

Per lui (tesserato Pfizer Italia Running Team) l’undicesimo posto assoluto (3° italiano) con il tempo di 2h15’41”. Facenti parte della terna vincente Andrea Naso (6°, 1h56’47”, Atletica Lonato) e Giovanni Stella (9°, 2h02’10”, Aretusa Marcia Siracusa).

A sfrecciare per primo sul traguardo (1h47’21”) lo spagnolo Miguel Garcia Perianez affermatosi anche nei 5000 su pista (23’53”93) e 10 km. su strada (44’19”), mentre Daclon è stato 4° degli italiani con, rispettivamente, il 9° (30’11”42) e 15° crono (56’45”).

La squalifica nella quale è incorso uno spagnolo è risultata determinante per l’affermazione del trio azzurro che ormai contava sull’argento. All’attivo del comasco anche uno scudetto di categoria nel 2010 cui hanno fatto seguito medaglie e piazzamenti.

«L’alloro continentale – rimarca Daclon – è arrivato proprio nel giorno del 30° compleanno di Eleonora Giorgi e di questo ne sono particolarmente contento perché ho visto muovere i suoi primi passi nell’Atletica Mariano con la guida tecnica del bravo Vittorio Zeni. Qualche volta mi capita d’incontrarla qui a Roma».

Sottolinea che sua mamma è tifosissima della marciatrice cabiatese pur non avendola mai conosciuta di persona. «Siamo convinti che – aggiunge – otterrà un grande risultato ai Mondiali di Doha».


© RIPRODUZIONE RISERVATA