«Distanti, ma uniti: e allora vinciamolo questo derby»
Il presidente Davide Marson e il sindaco Alice Galbiati

«Distanti, ma uniti: e allora
vinciamolo questo derby»

La raccolta fondi di Cantù e Varese prosegue a buoni ritmi

La raccolta fondi, prosegue a buoni ritmi, tanto che ormai si profila all’orizzonte la soglia dei 15mila euro sempre. Alludiamo all’iniziativa benefica congiuntamente posta in atto da parte di Pallacanestro Cantù e Pallacanestro Varese - con la collaborazione di Tutti Insieme Cantù e Il Basket Siamo Noi (rispettivamente azionariato popolare e supporter trust dell’uno e dell’altro club) - per contrastare l’emergenza sanitaria.

Com’è noto, l’intero ricavato sarà devoluto a favore della Croce Rossa di Cantù e dell’Ospedale di Circolo di Varese. Ricordiamo che il link per effettuare una donazione è gofundme.com/f/vinciamolo-insieme

Nel frattempo, dopo il videomessaggio di venerdì scorso del governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana, cui hanno fatto seguito sabato quello di Carlo Recalcati e domenica quelli dei capitani delle due squadre, Andrea La Torre e Giancarlo Ferrero - protagonisti di una piacevole intervista doppia -, ieri a scendere in campo a favore della raccolta fondi “All together now” sono stati i sindaci delle due città: Alice Galbiati per Cantù e Davide Galimberti per Varese.

«“Lontani, ma vicini” è una frase che sentiamo ripetere spesso in questi giorni - afferma nel proprio spazio dedicato al promo il primo cittadino canturino -, ma mai come nel caso di Cantù e Varese ha un significato così particolare. Due squadre, due tifoserie tradizionalmente molto distanti, oggi unite nella solidarietà. E allora vinciamolo questo derby, facciamo la nostra parte e aiutiamoli a raccogliere fondi».

In chiusura, da parte di Alice Galbiati, il più classico dei motti che sotto forma di coro abitualmente echeggia in curva, vale a dire “La gente come noi non molla mai”.

Perché stavolta donare può essere il canestro decisivo della vittoria più bella.


© RIPRODUZIONE RISERVATA