Dotti e il “miracolo” del Ghisallo Trovata la maglia di Bassano ’85
Antonio Molteni con la maglia di Roberto Dotti

Dotti e il “miracolo” del Ghisallo
Trovata la maglia di Bassano ’85

È quella originale del campionato mondiale su pista dilettanti: era stata persa durante i lavori al Santuario

Il regalo più bello nel trentacinquesimo anniversario dell’impresa. Roberto Dotti non sta più nella pelle ed è con una comprensibile dose di commozione che dice: «Ritrovata».

Eh sì, perché la maglia originale di campione del mondo nel mezzofondo su pista dilettanti è tornata finalmente alla luce.

Il tutto grazie ad Antonio Molteni, presidente della fondazione del Museo del Ghisallo, che ha fatto la sorpresa all’ex ciclista di Argegno. Andato perduto durante i lavori di sistemazione del Santuario, il simbolo del successo, con tanto di colore dell’iride ancora sgargianti, è stato ritrovato e ora avrà una collocazione all’interno del Museo stesso.

«Non so come ringraziare Molteni - dice un emozionato Dotti -. Anzi, a dire il vero un modo ci sarebbe: fare come farò io e cioè donare il 5x1000 a quel tempio del ciclismo che ci invidiano in tutto il mondo.Per cui a tutti gli appassionati chiedo di fare questo gesto per il Museo del Ghisallo. Per me è una giornata gioiosa, attesa da tanto tempo»,

Fu grande l’impresa quel giorno a Bassano, quando Dotti - “tirato” alla perfezione da un fenomeno che risponde al nome di Domenico De Lillo - sbaragliò la concorrenza, superando l’austriaco Roland Königshofer e l’altro azzurro Mario Gentili grazie a un finale spettacolare e tutti in piedi dentro al Velodromo strapieno.

E dopo quella finale, il comasco vinse anche tante gare su strada: il messaggio della Federazione era quello di lavorare forte in pista per migliorare sensazione e abilità in linea.


© RIPRODUZIONE RISERVATA