Sabato 01 Giugno 2013

È solo Lenovo

Roma s’inchina

Joe Ragland, anche ieri uno dei più reattivi
(Foto by FOTO BUTTI / POZZONI)

Lenovo cantu’81acea roma73

E il 2-2 è in cassaforte. La recidiva Cantù supera di nuovo Roma. Gara-4 di semifinale scudetto non solo è terminata con l’identico punteggio di gara-3, ma pure nel contenuto ne è stata la fotocopia.

Con i biancoblù sempre avanti, anche di parecchio, e con l’Acea a rientrare pericolosamente nel finale. Il tutto condito da un arbitraggio in serata assai poco felice. Diversamente da 48 ore prima, invece, stavolta le squadre si sono equivalse a rimbalzo e Cantù ha perso soltanto 10 palloni nel contesto di un match dominato più per come descrive la valutazione (90-58) che non il punteggio.

Calvani torna a riproporre il quintetto che gli aveva dato il 2-0 all’inizio della serie, richiamando alle armi sia Goss sia Jones, ma l’inizio è tutt’altro che confortante per gli ospiti i quali dopo un effimero 0-1 beccano un parziale di 9-0.

Il primo canestro su azione dell’Acea si fa attendere quasi 5’ e intanto Cantù prosegue imperterrita con il 19-8 al 7’. Con Datome o senza Datome (Brooks ha realizzato più punti di lui), l’Acea non intravede spiragli di luce.

All’intervallo i biancoblù sono stati bravissimi tra l’altro a perdere soltanto 4 palle, un po’ meno invece a concedere 10 rimbalzi offensivi (15 al 40’).

Le mosse di Goss e Lawal

L’intraprendenza di Goss e l’efficacia di Lawal iniziano nel 3° quarto a cambiare le carte in tavola, con gli ospiti che si riavvicinano 54-48 al 29’.

Lenovo si ritrova così sul 78-73 a 83” dalla sirena. Roma, però, non trova più il canestro e i biancoblù arrotondano dalla lunetta.

© riproduzione riservata