Gattuso senza scuse  «Ripresa bruttissima»
GATTUSO COMO 1907 - FROSINONE CAMPIONATO 2021-22 SERIE B CALCIO COMO FOTO CUSA 17-09-2021 (Foto by Fabrizio Cusa)

Gattuso senza scuse

«Ripresa bruttissima»

«Siamo rientrati in campo male, senza nerbo ed energie. Soprattutto senza la voglia»

«Il Frosinone? È più forte dell’Ascoli. E noi ci abbiamo messo anche del nostro, perché li abbiamo agevolati. A Cosenza sarà già una partita importante per il nostro cammino».

Tra ammissioni di colpe e qualche rammarico per qualche chance non sfruttata nel corso del primo tempo, mister Giacomo Gattuso analizza così la sconfitta del Como contro il Frosinone: «È brutto dirlo, perché abbiamo subìto due gol, ma credo che la squadra abbia disputato un buon primo tempo, come contro l’Ascoli. Il problema è che non si può subìre un gol come il secondo, proprio nel momento in cui ci stavamo riorganizzando per recuperare lo svantaggio. Lo 0-2 ha indubbiamente condizionato poi la prestazione offerta nel secondo tempo, che non mi è piaciuta». Una ripresa che, per Gattuso, è assolutamente da dimenticare: «Siamo rientrati in campo male, senza nerbo ed energie. Soprattutto senza la voglia che una squadra come la nostra, in svantaggio, dovrebbe mettere per recuperare».

Demeriti del Como a parte, il Como si è trovato di fronte una squadra davvero ben organizzata: «Nell’analisi, bisogna considerare anche i meriti del Frosinone. È una squadra forte, che ha giocato sempre con la tensione alta, che ripartiva a mille all’ora, con giocatori tecnici, bravi e molto veloci nell’inserirsi. Difficile, quasi impossibile, dopo il 2-0 recuperare lo svantaggio».

Gli ospiti hanno creato tanto dalla fasce: «Abbiamo sofferto, le corsie esterne sono il loro punto di forza, con terzini che sanno sovrapporsi in maniera efficace. Lo sapevamo, abbiamo provato a difendere in un certo modo, ma purtroppo non ci siamo riusciti. Dovevamo essere migliori, in generale». Nel secondo tempo c’è stata troppa foga nel tentare di recuperare? «Più che altro non abbiamo trovato le geometrie. Abbiamo giocato con troppe palle lunghe, contro difensori forti. Poi, inevitabilmente, è subentrata anche un po’ di sfiducia, anche se non dovrebbe mai succedere. Ripeto, abbiamo affrontato una squadra più forte dell’Ascoli, ma noi li abbiamo agevolati. In più, il Frosinone, quando si trova in vantaggio, ha giocatori micidiali nelle ripartenze: noi abbiamo aumentato le loro qualità ed evidenziato le loro caratteristiche».


© RIPRODUZIONE RISERVATA