Gilardoni sul podio, Lorini quinta Ma tutte e due potevano vincere
Carole Gilardoni in azione

Gilardoni sul podio, Lorini quinta
Ma tutte e due potevano vincere

Carole è terza e come Giulia aveva chiuso la prima manche al comando

Lo stesso destino ha accomunato Giulia Lorini e Carole Gilardoni. Pur se a migliaia di chilometri di distanza, e con qualche ora di differenza, le due comasche (la prima è di Erba, la seconda di Argegno) hanno “rischiato” di vincere uno slalom, chiudendo in testa nella prima manche e scivolando poi indietro dopo la seconda. Carole Gilardoni, all’Abetone, nella gara Cittadini, ha salvato il podio, salendo sul gradino più basso. Giulia Lorini ad Aspen negli States ha invece dovuto accontentarsi del quinto posto.

Ultimi colpi di una lunga stagione all’Abetone. Ieri è toccato allo slalom. Nella prima manche Gilardoni azzecca tutto e fa registrare il miglior tempo, chiudendo in 52”17 e mettendo 35 centesimi sulla seconda, Matilde Gavazzi e 39 sulla terza, Flavia Diletta Giordano. Nella seconda non tutto è filato liscio con l’argegnese che ha messo a referto il quarto riscontro cronometrico, concedendo decimi importanti alle rivali. La più brava ad approfittarne è stata Giordano (la più veloce nella seconda manche) che si è imposta, precedendo di 31 centesimi Gavazzi e di 1”34 Gilardoni.

Copione simile per Giulia Lorini. L’erbese, che è negli Stati Uniti per motivi di studio, ha partecipato ad uno slalom Fis sulle nevi di Aspen. Al via con il pettorale uno ha sfruttato l’opportunità, facendo registrare il miglior tempo in 42”94 (unica capace di scendere sotto i 43 secondi). L’unica in grado di avvicinarla è stata la norvegese Nora Christensen, staccata di 15 centesimi. La terza la canadese Fleckestein era già a 72 centesimi. Nella seconda manche Lorini ha sbagliato ed è precipitata in quinta posizione, a 1”38 dalla vincitrice, la canadese Fleckestein, a 77 centesimi dalla statunitense Lapanja e a 33 dalla norvegese Christensen.


© RIPRODUZIONE RISERVATA