Gioventù Lariana, sesta prova La sfida Como-Lecco finisce 7-7
Grande festa all’Atletica Rovellasca anche per via del rinnovato impianto

Gioventù Lariana, sesta prova
La sfida Como-Lecco finisce 7-7

Appuntamento a Rovellasca con le società del Lario che si sono spartite i successi

La sesta prova del Trofeo Gioventù Lariana di atletica leggera può passare agli archivi come quella dell’equa ripartizione di vittorie.

Nella categoria Cadetti/e sono state quattro sia per Como, Lecco ed extra provinciali (2 allori per Milano, uno per Varese e Monza Brianza), mentre fra i Ragazzi/e il bottino è rimasto tutto nel territorio voltiano-manzoniano con un salomonico 3-3.

Nella fascia maggiore d’età l’Atletica Rovellasca, oltre che fare gli onori di casa, ha incamerato anche due vittorie nel settore lanci per merito di Riccardo Vago (peso 4 kg.) e Lorenzo Cairoli (giavellotto). Il primo ha effettuato un getto 13,24 prevalendo sul torinese Stefano Frasca (10,07, Gruppo Sportivo Chiavassesi), nonché sui coèquiper Lorenzo Cairoli (3°, 11,49) e Simone Vago (5°, 10”89). Dal bronzo Cairoli è passato all’oro avvicinandosi ai 40 metri (39,66) con l’appuntito attrezzo superando chiaramente il meratese Federico Tarelli (36,22) e Davide Cappelletti (34,24, Atletica Cesano Maderno).

L’Atletica Erba si è affidata alle qualità di Ilaria Oricchio impostasi nel lungo (34 in pedana) con un salto di 4,56 e classificatasi seconda sugli 80hs (12”92) vinti da Martina Dorz (Atletica Gallaratese) in 12”68, con terza (13”38) la biancoazzurra Emma Pastorelli (San Maurizio Erba). Relativamente al lungo da aggiungere il bronzo di Maria Belen Cordoba (Albatese) e il quarto posto della biancoverde Sara Pancera (Atletica Erba) entrambe planate a 4,43 e sotto di 2 cm. dall’argento della lecchese Victoria Occhioni che si è aggiudicata la prova del peso (3 kg.) con un getto di 8,75. Sul secondo gradino del podio si è posizionata l’albatese Kethrin Sironi (8,68) e sul terzo (7,68) Elena Conti (Triangolo Lariano).

Il quarto successo comasco va ascritto alla giavellottista Benedetta Cencin (Polisportiva Intercomunale Cagno) con la misura 28,19. Alle sue spalle la gallaratese Martina Dorz (25,68) e la sanmauriziana Emma Pastorelli (23,36), con quarta Rosalinda Appiadu (22,41, Pro Quinto). Fra i medagliati con l’argento figurano anche Fabrizio Coulibaly (Triangolo Lariano) nel triplo (11,47) e Chiara Badà (Albatese) nell’alto (1,30) le cui gare sono state appannaggio del milanese Daniele Martelli (11,83, Scuola Sportiva Punto it) e di Arianna Brivio (1,35, Up Missaglia). Nelle altre specialità i migliori piazzamenti riguardano i quarti posti di Luca Alzani nei 1000 (2’53”24, Atletica Mariano) e Simone Castagna (Gs Rovello Porro) nell’alto (1,51), nonché i quinti della sanmauriziana Greta Fontana nei 1000 (3’23”46) e del marianese Jarno Tramarin sui 100hs (18”70).

Fra i Ragazzi/e le nostre tre affermazioni portano la firma dell’atleta di casa Stefano Nebuloni nel peso di 2 kg. (11,16), Nicolò Sartorio (Cantù Atletica) e Carolina Molteni (AG Comense) nei 1000 con i riscontri cronometrici di 3’14”84 e 3’24”54. Per il rossoblù Nebuloni e la bianconera Molteni pure l’argento dei 60 (8”34/8”78) con, rispettivamente, 10 e 7 batterie. Stesso conio per la rovellaschese Sylvie Valendino nel lungo (4,37), per Filippo Bessi (San Maurizio) nei 1000 (3’16”10) e per il giallonero Andrea Messina (Albatese) nel peso (11,08). Bronzo nei 1000 per la sanmauriziana Marwa Zared (3’37”40) e per Simone Martucci (Atletica Lomazzo) nei 60 (8”52). Invece, è rimasta due volte ai margini del podio Laura Strati (Pro Quinto) nei 60 (8”92) e lungo (4,20). Quarto posto anche per Stefano Alario (Atletica Rovellasca) nel peso (10,99).


© RIPRODUZIONE RISERVATA