Guarda chi va veloce come Sassari È Tortu, l’ospite d’onore di Cantù
Andrea La Torre (a sinistra) e Filippo Tortu (Foto by Butti)

Guarda chi va veloce come Sassari
È Tortu, l’ospite d’onore di Cantù

Il velocista azzurro, di chiare origini sarde, ieri era al PalaBancoDesio

Squadra che ama correre e che predilige dunque il contropiede, Cantù sarebbe decisamente in una botte di ferro se a involarsi verso il canestro avversario fosse Filippo Tortu, vale a dire il primatista italiano dei 100 metri.

Il primo italiano della storia a scendere sotto i 10 secondi netti. Per la precisione, 9”99 (stabilito a Madrid il giugno 2018), migliorando il 10”01 di Pietro Mennea che resisteva dal 1979.

Quel Tortu (padre sardo, come si può arguire...) ospite d’onore ieri al PalaBancoDesio, guarda caso cresciuto nei paraggi, vale a dire a Costa Lambro, frazione di Carate Brianza e avviatosi all’atletica sempre in zona, alla Polisportiva Besanese. Ora 21enne, lo scorso settembre ha partecipato alla finale dei 100 ai Mondiali di Doha giungendo 7° in 10”07.

E ieri l’omaggio nei suoi riguardi da parte della Pallacanestro Cantù con la consegna prima della palla a due di una maglia biancoverde - con impresso il numero 1 e il cognome dell’atleta - da parte del capitano Andrea La Torre. E pure Sassari ha omaggiato il velocista con un proprio gagliardetto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA