Il Charlie: «Cantù bella realtà E il gran merito è di Sodini»
Carlo Recalcati, 72 anni

Il Charlie: «Cantù bella realtà
E il gran merito è di Sodini»

La bandiera della Pallacanestro Cantù commenta l’avvio di stagione della squadra brianzola.

«Cantù sta dando di più di quello che inizialmente potevano essere le ipotetiche premesse del precampionato» Così Carlo Recalcati inizia a esprimere il proprio giudizio sulla squadra biancoblù.

Perché, a suo avviso?

«Perché ha trovato una sua logica di squadra e un allenatore che ha l’intelligenza e la capacità di sapere sin dove può spingersi nelle richieste ai propri giocatori. Tutto ciò, dibattendosi in una situazione chiaramente di non normalità. E la bravura di questo coach la si riscontra non solo nelle abilità professionali e di tecnico ma anche nella capacità di gestione di un gruppo che avrebbe potuto o potrebbe perdere il filo del discorso».

C’è dell’altro?

«Mi sembra davvero una squadra che si diverte. Hanno il piacere di giocare insieme anche se ci sono alcuni giocatori non prettamente da collettivo. La grande bravura di Marco (Sodini, ndr) si vede appunto in questo aspetto. Giocatori che hanno propensione dal punto di vista individuale e che però riescono a fare molto nel contesto di squadra elevando il rendimento del collettivo».

L’intervista completa sulla Provincia di martedì 28 novembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA