«Il figlio di Gerasimenko?  È con noi in visita di cortesia»
Egor Gerasimenko sullo sfondo (il terzo da sinistra) abbracciato tra coach Pashutin e l’assistente Brienza

«Il figlio di Gerasimenko?

È con noi in visita di cortesia»

Diego Fumagalli, team manager della Red October

giustifica la presenza del giovane Egor in ritiro.

«Egor Gerasimenko? Si trova qui in visita di cortesia». La Red October Cantù è arrivata giovedì a Chiavenna per il ritiro pre-season e subito grande curiosità ha destato la presenza, anche sul parquet del Palamaloggia oltre che nei momenti di relax alle Cascate dell’Acquafraggia di Piuro, del giovanissimo Egor, figlio del patron Dmitry e dell’ormai ex presidente Irina.

La 16enne ala si allena con la prima squadra, ma a spiegare il suo ruolo in ritiro ci pensa il team manager Diego Fumagalli: «Capisco la curiosità per la presenza di Egor in ritiro, ma la sua è solamente una visita di cortesia. Visita che ci ha fatto piacere. Poi, naturalmente, è il figlio del patron ed è un tesserato della Pallacanestro Cantù. Quindi ha tutti i titoli per stare qui con noi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA