Li ha presi tutti a martellate  E Proserpio è campione d’Italia
Giacomo Proserpio nella pedana della gabbia mentre esegue le rotazioni prima del rilascio dell’attrezzo

Li ha presi tutti a martellate

E Proserpio è campione d’Italia

Titolo tricolore Promesse per il ventenne di Mariano che ha occupato il gradino più alto del podio con la misura di 66,74.

Non potevano iniziare meglio i campionati italiani Juniores e Promesse di atletica leggera. Allo Stadio Ridolfi di Firenze c’è stata la splendida performance di Giacomo Proserpio. Il marianese, che si è forgiato nella società di casa guidata da Carlo Cariboni e ora in forza all’Atletica Lecco, ha, finalmente, rotto il guscio fregiandosi del titolo tricolore del martello Promesse.

Con l’attrezzo di 7,260 kg, che utilizza solo da quest’anno, il ventenne comasco è salito in pedana tranquillo e conscio delle sue possibilità di centrare, quantomeno, un altro secondo posto. Ha, invece, occupato il gradino più alto del podio con la misura di 66,74 al primo lancio e sfiorato il personale di 66,75.

.Dall’oro di Proserpio al podio sfiorato nei 3000 siepi Junior dall’erbese Samuele Nava (Atletica Lecco). Lo specialista delle corse in montagna si è piazzato quarto (9’26”65) restando a meno di 3” dal bronzo di Giovanni Gatto (9’23”76, Us Quercia Trentingrana).


© RIPRODUZIONE RISERVATA