Libertas Cantù, è Battocchio  il nuovo allenatore
Scruta l’orizzonte Matteo Battocchio, torinese, classe 1985, ha fatto il “secondo” in SuperLega a Vibo Valentia prima di approdare al Cisano

Libertas Cantù, è Battocchio

il nuovo allenatore

Il successore di Cominetti nel team di A2 ha 35 anni ed è reduce dall’ottima annata con Cisano Bergamasco in A3.

Chiusa l’era Luciano Cominetti, la Libertas è pronta ad accogliere il suo nuovo tecnico. Proprio ieri, Cantù ha infatti ufficializzato l’arrivo sulla panchina canturina di Matteo Battocchio, che a tutti gli effetti sarà il primo colpo del mercato estivo della società del presidente Ambrogio Molteni.

Trentacinque anni d’età, con esperienze alle spalle come secondo in SuperLega a Vibo Valentia, il tecnico torinese arriva da Cisano Bergamasco, dove - prima dello stop del campionato - stava portando la sua formazione di A3 a giocarsi i playoff per il salto di categoria. Nella Bergamasca, peraltro, avrebbe anche potuto fermarsi quest’anno. La chiamata di Molteni, però, l’ha indotto a scegliere la Città del mobile e, così facendo, a entrare nella galassia Vero Volley.

«Sono molto felice che Matteo abbia accettato il nostro progetto, anche perché era molto conteso sul mercato da altre formazioni di serie A2 e anche di SuperLega», racconta il presidente della Libertas.

«Cantù è un’isola felice nella pallavolo italiana. Sono molto felice di essere qui», sono le prime parole del neo-tecnico.

L’articolo in versione integrale sulla Provincia di sabato


© RIPRODUZIONE RISERVATA