Libertas Cantù è una favola «Non possiamo nasconderci»
L’esultanza in casa Pool Libertas

Libertas Cantù è una favola
«Non possiamo nasconderci»

Il colpo di Gioia del Colle ha dato altra carica all’ambiente
Redaelli: «Ora ci stiamo divertendo».

Vincere e convincere. È capitato a Gioia del Colle, dove la Libertas di coach Luciano Cominetti ha vinto di slancio sulla Gioiella Micromilk (1-3 il risultato finale), facendo un deciso passo in avanti verso le parti nobili della classifica di A2.

Un successo davvero prestigioso quello colto in provincia di Bari, con Cantù capace di non disunirsi al termine di un primo set nient’affatto ben giocato e, cammin facendo, non solo di riprendere la rotta, ma anche di non fermarsi più. «Noi – dice il vice allenatore Massimo Redaelli – ci abbiamo sempre creduto. Sapevamo di lavorar bene e abbiamo avuto pazienza. Ora, dopo aver vinto contro Spoleto, contro Bergamo e pure contro Gioia del Colle, non possiamo più nasconderci».

Quella della Pool Libertas pare quasi una favola. Partita con l’obiettivo di salvarsi, la squadra di Cominetti ha trovato la chiave giusta per dare il massimo. «A questo punto non dobbiamo più guardarci indietro e pensare alla salvezza. Questa squadra ha la consapevolezza di ciò che può fare», continua Redaelli.

Nuovi obiettivi? Magari. Nel mentre, però, pochi proclami e tanto lavoro in settimana. Il resto lo si vedrà, gara dopo gara. Il girone Blu è ancora tutto da scrivere dopo la prima di ritorno. «Ci stiamo davvero divertendo. È un momento troppo bello e speriamo possa durare ancora a lungo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA