Libertas Cantù, sei uno sballo «Ora è tutto nelle nostre mani»
La grinta di Luciano Cominetti, tecnico della Pool Libertas Cantù (Foto by foto Cusa)

Libertas Cantù, sei uno sballo
«Ora è tutto nelle nostre mani»

Successo a Taviano e quarto posto (l’obiettivo) agganciato. Redaelli: «Se facciamo bene noi, gli altri non ci possono raggiungere».

Il quarto posto, agganciato ai danni di Gioia del Colle, consente alla Libertas di respirare aria di salvezza anticipata. «Un risultato che, se guardiamo la classifica, ci permette di avere tutto nelle nostre mani», spiega l’allenatore in seconda Massimo Redaelli, mai come ora convinto della possibilità reale di chiudere la stagione regolare con la permanenza in categoria tra le proprie dita.

«Se facciamo bene noi, a questo punto, gli altri non ci possono più raggiungere», prosegue l’assistente di coach Luciano Cominetti ripensando al 3-0 inflitto domenica a Taviano ma, ancor più, a quel girone Blu che vede oggi la Libertas in quarta piazza, seppur a pari merito con Gioia del Colle, a quota 44 lunghezze.

Davanti, a 47, il terzo posto di Castellana Grotte è sulla carta ancora attaccabile; dietro, oltre a provare a staccare la Gioiella, c’è da pensare sia a Ortona (che ha perso contro Castellana) sia a Grottazzolina, che vincendo contro il Club Italia ha agganciato proprio la Sieco Service a 42 lunghezze.


© RIPRODUZIONE RISERVATA