Libertas iscritta alla A2  È il decimo anno di fila
AMBROGIO MOLTENI PRESIDENTE PRESENTAZIONE UFFICIALE VOLLEY POOL LIBERTAS (Foto by Fabrizio Cusa)

Libertas iscritta alla A2

È il decimo anno di fila

La Commissione mmmissione ai campionati della Lega Pallavolo Serie A, infatti, nei giorni scorsi ha terminato l’esame dei documenti

Un altro esame superato brillantemente: l’iscrizione della Libertas Cantù al campionato di A2 maschile di pallavolo è stata accolta al primo colpo, senza dubbi e sbavature.

La Commissione mmmissione ai campionati della Lega Pallavolo Serie A, infatti, nei giorni scorsi ha terminato l’esame dei documenti presentati da 53 Club aventi diritto a richiedere l’iscrizione alla SuperLega, Serie A2 e Serie A3 Credem Banca 2021/2022.

Ora l’elenco inviato al Consiglio di amministrazione della Lega Pallavolo sarà quindi proposto alla Federazione Italiana Pallavolo per la ratifica della ufficiale ammissione al prossimo campionato. E per la decima stagione, la nona consecutiva, anche il Pool Libertas Cantù sarà regolarmente ai nastri di partenza del campionato di serie A2 Credem Banca. Si tratta di un risultato storico per la pallavolo comasca. Mai nessuna squadra, infatti, era in precedenza riuscita ad approdare al secondo campionato nazionale, restandoci per così tante stagioni.

«La Commissione di controllo delle iscrizioni ha validato la nostra iscrizione per il decimo anno in Serie A2 – commenta il presidente Ambrogio Molteni –. Non ci sono stati contatti né integrazioni a dimostrazione della bontà della nostra documentazione».

E non finisce qui. «Ora abbiamo la scadenza di oggi per i tesseramenti dei giocatori della prossima stagione. Visti i cambiamenti molto significativi nel nostro roster, si tratta anche in questo caso di un lavoro impegnativo che stiamo facendo come sempre con molta professionalità. Poi avremo in agosto la partenza della preparazione, e quello che sarà tutto il lavoro per la nuova stagione. Come sempre, con la massima passione e dedizione proseguiamo nel nostro cammino».


© RIPRODUZIONE RISERVATA