Lo Yacht Club Como non molla Spata «Lavoreremo forte sulla scuola vela»
Roberto Spata (Yacht Club Como)

Lo Yacht Club Como non molla Spata
«Lavoreremo forte sulla scuola vela»

La società di viale Puecher riparte dalla conferma del direttore tecnico

Lo Yacht Club Como archivia una stagione di vela coronata da ottimi risultati e riparte per programmare il 2021 con l’obiettivo di proseguire la continua crescita messa in moto dal direttore tecnico Roberto Spata.

La prima certezza è che il comasco sei volte campione del mondo è stato confermato alla guida tecnica della vela dal nuovo consiglio direttivo guidato dal presidente Giancarlo Ge.

Nonostante il 2020 sia stato difficile per gli stop e qualche rinuncia imposti dal Covid-19, l’attività è proseguita intensamente. A cominciare dalla scuola di vela, con tanti ragazzi dai 7 ai 15 anni, molti dei quali entreranno nelle squadre agonistiche.

Sul fronte agonistico, alla ripresa dopo il lockdown, tutte le squadre hanno ben recuperato il tempo perduto, ottenendo risultati di rilievo. Federico Menzio ha dominato nella classe Bug, battagliando spesso con il suo compagno Ludovico Caresani, mentre Giulia Ghiringhelli è ormai una garanzia nella classifica femminile. Elio Messina, new entry, ha già ottenuto promettenti risultati.

Nella classe Doppi Feva, Sabrina Borsatti e Sofia Vismara hanno conquistato il primo posto tra gli equipaggi femminili al campionato italiano, posizione ribadita nella ranking list nazionale. In luce anche Salvago-Vigevani e Fittante-Corielli. La maggior parte della squadra verrà rinforzata da molti atleti dei corsi e da atleti provenienti da altri circoli.

La classe 29er, solo al secondo anno di attività, è in netta crescita rispetto alla stagione precedente. I fratelli Alex e Seneca Veronelli, infatti, hanno vinto tutte le regate zonali, chiudendo con un significativo 14° posto al Campionato giovanile di ottobre a Punta Ala e posizionandosi all’11° posto nella ranking list nazionale.

A Punta Ala onorevoli piazzamenti anche di Federico Bonilauri-Giorgio Vigevani (26°)e Emma Castelli-Gabriele Bianchi (30°). Le squadre Feva e 29er sono seguite entrambe dall’allenatore Michelangelo Miani. Al suo primo anno di attività, la squadra Laser, seguita dal coach Alberto Motta, ha gettato le basi per migliorare nel 2021; Micol Borsatti nella prossima stagione passerà ai 29er.

Intensa anche l’organizzazione delle regate, pur se ridimensionata dall’emergenza coronavirus, che ha impedito si svolgere le tradizionali regate di apertura e di chiusura. Spiccano però il Campionato Italiano Classe Dinghy 12’ con ben 73 iscritti; i campionati zonali delle classi Laser (con 101 imbarcazioni),29er e Feva, oltre ad una tappa del Circuito nazionale H22.

«È stata una stagione difficile – questo il commento del d.t. Roberto Spata - ma l’abbiamo portata a termine nel migliore dei modi sia come scuola vela sia come attività delle squadre e organizzazione regate. Ma nel 2021 vogliamo fare ancora meglio. A seconda di cosa ci consentirà l’emergenza epidemiologica che ancora ci assilla, vogliamo concentrarci ancor più sulla scuola vela e sull’attività delle squadre che comunque stanno avendo già un discreto ricambio».

Poi, la promessa. «Parteciperò personalmente ad alcuni allenamenti intensivi con ogni nostra squadra e i propri allenatori in modo tale da far crescere ulteriormente il nostro gruppo. Credo che i ragazzi saranno molto contenti di questo e lo sarò anche io nel poter dare più direttamente il mio contributo a supporto del già ottimo lavoro che stanno svolgendo i nostri coach».


© RIPRODUZIONE RISERVATA