Maggi spegne gli entusiasmi «Si gioca a febbraio? Forse»
Arriveremo a un anno intero senza partite di basket

Maggi spegne gli entusiasmi
«Si gioca a febbraio? Forse»

Il presidente regionale della Fip: «Mancano certezze per la ripresa
E soltanto la più ottimistica previsione ci porta a pensare a quella data».

«L’attività giovanile è quella che più ha sofferto e che soffre maggiormente in questa situazione di sospensione, in assenza di una chiara visione del futuro prossimo, mancando certezze dal Governo per una possibile ripresa dell’attività».

Il Comitato Regionale della Federbasket prova a riaccendere così i riflettori sulle categorie giovanili e sul minibasket. «Per la stagione 20/21 le squadre iscritte ai campionati giovanili sono 1231, di cui 1073 maschili e 158 femminili, a cui aggiungere le migliaia di bambini e bambine del minibasket, che attendono ansiosamente di poter scendere in campo. Quando ciò potrà accadere non lo sappiamo» dice il presidente del Crl, Giorgio Maggi.

Se però i maggiori campionati senior sono stati fermati una settimana prima del via, per quelli giovanili non erano ancora stati composti nemmeno i gironi e i calendari. L’emergenza pandemica ha messo in ginocchio in primis l’attività dei più giovani.

«L’ultima partita ufficiale è stata disputata il 24 febbraio scorso – ricorda Maggi -. E la più ottimistica previsione ci porta a sperare di tornare a vestire le divise da gara a fine febbraio 2021: un intero anno senza giocare, ma sportivamente si tratta di uno stop molto più incisivo essendo a metà tra due stagioni».

L’obiettivo (o per meglio dire, la speranza) del Crl è quello di far partire i campionati sia senior sia giovanili entro fine febbraio e terminarli a giugno, per disputare quantomeno una mini stagione. «Se come auspichiamo si potrà tornare in campo nei primi mesi del 2021, allora riusciremo ad organizzare un campionato, sia pure in forma ridotta. Se invece la ripresa ci fosse concessa più tardi, ci prendiamo l’impegno – fa presente Maggi - di organizzare un’attività alternativa, fatta di tornei, concentramenti e quanto altro consenta di giocare il più possibile fino a giugno inoltrato. Per quanto riguarda il settore minibasket, investiremo energie e risorse per sostenere il maggior numero possibile di feste e iniziative sul territorio».

Il Comitato lombardo però getta già uno sguardo alla stagione 2021/2022, con un’importante novità: il passaggio alle annate dispari, vale a dire Under 19, Under 17 e Under 15. «La programmazione per la prossima stagione è già iniziata e attendiamo l’insediamento del prossimo Consiglio Federale per presentare le nostre richieste» sottolinea Maggi.

«È ormai certo – annuncia il presidente regionale - il passaggio alle annate dispari che porterà così ad allinearsi alle programmazione scolastica, e che nella contingenza consentirà soprattutto agli attuali Under 18 di “recuperare” questa stagione. Resta confermata nelle intenzioni del nostro Comitato la divisione all’interno delle categorie, in Eccellenza/Elite, Gold e Silver, con massima flessibilità regolamentare in quest’ultima fascia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA