Manzi, l’argento al Tricolore apre le porte del Mondiale
L’arrivo di Emanuele Manzi

Manzi, l’argento al Tricolore
apre le porte del Mondiale

Grande piazzamento a Paratico per il cremiese: la maglia azzurra è ormai certa

«Super gara: vicecampione italiano assoluto e quasi sicuramente convocato per i mondiali». Anche lo stesso Emanuele Manzi, sempre misurato e schivo, definisce “super” la sua prestazione al Bronzone trail.

E ha tutte le ragioni visto che, grazie all’argento tricolore nel lunghe distanze di corsa in montagna, il cremiese, a 40 anni, vestirà ancora una volta la maglia azzurra a un Mondiale. «Diciassette anni dopo la prima volta - ricorda Manzi -. Anche allora era in questa zona, ai Colli di San Fermo, quando nella gara classica, venni battuto da Molinari».

Ma a Paratico si è rivista in azione l’ItalComo di corsa in montagna. Soprattutto al femminile con il quarto posto di Ilaria Bianchi e il quinto di Ivana Iozzia.

Le due “nostre” atlete non sono riuscite (per il momento, almeno) a staccare “aritmeticamente” il biglietto per il mondiale del 24 giugno a Karpcaz, in Polonia (andranno Barbara Bani, vincitrice del Val Bregaglia Trail a Chiavenna e Alice Gaggi, oro ieri a Paratico) ma sono in lizza per gli altri due posti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA