Marson, SuperBriantea  «Vittorie per i giovani»
B84 foto Marson - credito Vezzoli (Foto by Riccardo Berti)

Marson, SuperBriantea

«Vittorie per i giovani»

«Arriviamo da una stagione complicata per la pandemia, ma soddisfacente dal punto di vista sportivo»

UnipolSai Briantea84 sempre più nella storia della pallacanestro in carrozzina. Il successo dello scorso sabato a Meda contro il Santo Stefano Avis Porto Potenza ha regalato alla società canturina la sua sesta Supercoppa Italiana (record insieme a Sassari). Un’altra pagina nel decennio d’oro del club del presidente Alfredo Marson, che dal 2012 a oggi ha vinto: sei scudetti, sei Coppe Italia e sei Supercoppe Italiane. Si chiude così il 2021 dei canturini che, alla luce degli impegni della nazionale italiana agli Europei di Madrid dal 4 al 12 dicembre, non torneranno in campo in maglia biancoblù fino all’8 gennaio, quando la serie A li vedrà in trasferta sul campo di Reggio Calabria.

Marson, avete messo in bacheca l’ennesimo trofeo. Che effetto le fa?

Siamo felici per la vittoria in Supercoppa. Abbiamo lavorato tanto per questo obiettivo e mi ha reso orgoglioso la passione del PalaMeda. Non è stato facile organizzare un evento di questo calibro, soprattutto per il periodo che stiamo vivendo. Nonostante questo siamo riusciti a portare tanti tifosi al palazzetto, nel rispetto delle regole e dei protocolli.

Una bella festa per giovani e famiglie, come da tradizione per voi.

Vero, molti dei nostri tifosi fanno parte di scuole, oratori e società sportive del territorio che abbiamo incontrato negli appuntamenti culturali di queste settimane. Non smetteremo di parlare ai giovani: sono il nostro futuro. Hanno dimostrato grande affetto e interesse sugli spalti, un vero sesto uomo in campo.

E pensare che l’anno scorso di questo periodo non potevate neppure giocare.

Arriviamo da una stagione complicata per la pandemia, ma soddisfacente dal punto di vista sportivo. Lo scudetto cucito sul petto è un grande valore. Abbiamo il dovere di continuare a guardare avanti, gioendo del passato, ma senza soffermarci troppo su quello che ormai è stato.

Obiettivi?

Ci sono tanti passi da fare, siamo convinti che potremo scrivere nuove pagine di sport. L’obiettivo è quello di lavorare e crescere. Il campionato è iniziato per il verso giusto, l’amarezza della sconfitta in Coppa Italia siamo riusciti a trasformarla in motivazione per fare ancora meglio. Ecco che la Supercoppa Italiana è diventata qualcosa di più di una semplice vittoria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA