Otto comaschi per i Mondiali È la prima chiamata olimpica
La comasca Aisha Rocek (Carabinieri/Canottieri Lario)

Otto comaschi per i Mondiali
È la prima chiamata olimpica

I nostri in partenza per Linz, l’appuntamento clou della stagione

Dieci atleti comaschi hanno già le valige pronte per partire. Otto di loro vanno all’appuntamento clou della stagione, i Mondiali assoluti di Linz in Austria, da domenica 25 agosto a domenica 1 settembre, che sono anche il primo e principale turno delle qualificazioni a Tokyo 2020.

Si tratta di Filippo Mondelli (Fiamme Gialle – Moltrasio), Pietro Willy Ruta (Fiamme Oro), Aisha Rocek (Carabinieri – Lario), Arianna Noseda (Lario), Sara Bertolasi (Milano – Lario), Greta Martinelli (Tremezzina), Gabriel Soares (Marina Militare), Lorenzo Fontana (Menaggio).

Due invece hanno come destinazione Patrasso in Grecia per i Mediterranean Beach Games dal 25 al 31 agosto: Giorgia Pelacchi (Lario), Marta Barelli (Moltrasio).

Cominciamo dai Mondiali assoluti, che vedono l’Italia seconda nazione più numerosa con 25 barche, a ruota degli Stati Uniti che schierano 29 equipaggi.

Nelle barche olimpiche, tra le formazioni che danno maggiore garanzia, confermate dal c.t. nazionale Francesco Cattaneo, ci sono il quattro di coppia campione del mondo in carica di Filippo Mondelli, Giacomo Gentili, Luca Rambaldi, Andrea Panizza e il doppio pesi leggeri del capovoga Pietro Willy Ruta e Stefano Oppo (sardo di nascita, ma ormai comasco d’adozione).

Ancora in cerca della composizione migliore per tentare la qualificazione, le barche di punta femminili (il capo settore delle donne è il comasco Stefano Fraquelli, allenatore della Lario). Sul due senza, infatti, saliranno Aisha Rocek e Kiri Tontodonati, che hanno già dato prova di far correre bene la barca. Il quattro senza, nuova specialità olimpica, è ancora alla ricerca di una fisionomia accettabile.

A Linz ci proveranno a fare un risultato convincente Sara Bertolasi, Alessandra Patelli, Valentina Iseppi e Alessandra Montesano.

Nessuna preoccupazione di correre per i pass olimpici, invece, le altre barche leggere, che potranno concentrarsi solo sulla conquista dei titoli mondiali o comunque di medaglie. È il caso dei quattro di coppia maschile e femminile, che hanno già un titolo iridato da difendere. Parliamo del quadruplo del capovoga bellagino Gabriel Soares e del prodiere Lorenzo Fontana, con i due centrali Alfonso Scalzone e Catello Amarante.

La capovoga Arianna Noseda e Greta Martinelli, dal canto loro, intendono portare a casa il loro secondo titolo mondiale della stagione in equipaggio con Giulia Mignemi e Silvia Crosio (la stessa barca aveva vinto ai Mondiali Under 23 di Sarasota a fine luglio).

Per quanto riguarda i Mediterranean Beach Games di Patrasso , Giorgia Pelacchi e Marta Barelli, gareggeranno nel quattro di coppia coastal rowing con Benedetta Faravelli, Arianna Bini, e la timoniera Serena Lo Bue.


© RIPRODUZIONE RISERVATA