Maglie Libertas con la skyline di Cantù: «Per il territorio»

Presentate le nuove divise della squadra di Molteni: «Il profilo di Cantù sulla parte posteriore»

Maglie Libertas con la skyline di Cantù: «Per il territorio»
Suggestiva immagine con il campanile di San Paolo

Di giocare a Cantù, come è noto, non ce ne sarà la possibilità. I lavori al Parini, uniti a una capienza che a opera conclusa sarà comunque inferiore ai mille posti, obbligheranno la Pool Libertas ad affrontare le partite in casa al Palafrancescucci di Casnate con Bernate. Quasi fosse per non sfilacciare il legame con il campanile di San Paolo, però, la società di volley maschile ha deciso di non perdersi d’animo e, al contrario, di rilanciare: la torre campanaria cittadina, e l’intero skyline canturino, troveranno infatti spazio direttamente sulle maglie dei giocatori impegnati nel prossimo campionato di serie A2.

E così, dalla creatività del designer – e responsabile marketing – della società, Giovanni Indorato, è nata l’idea di proporre una divisa che, al momento priva degli sponsor stagionali, ha nel profilo della città l’elemento distintivo della parte retrostante della maglietta. Rispetto alla stagione 2021-2022, peraltro, cambierà anche il fronte, come è lo stesso ideatore a raccontare.

«Dal punto prettamente stilistico – spiega Indorato - per queste nuove divise il focus di base (oltre al rinnovamento dell’abbinamento di colori dell’ultima stagione) è, come si può ben vedere, sulle righe orizzontali, quasi a ricordare le striature della nostra storica ape, ma con un gioco di chiaro-scuro. Sul retro spiccherà lo skyline di Cantù con il campanile di San Paolo in bella mostra, vero legame con la città e le nostre radici».

All’insegna della canturinità piena, nell’anno del suo 40° di fondazione la Libertas punta a una sorta di rinnovamento nella tradizione, con l’assenza dei marchi pubblicitari in questa prima fase cui seguirà, a raccolta ultimata, la presentazione vera e propria di quella che sarà la sua cifra stilistica definitiva.

«Il fatto di presentare al pubblico una maglia pulita e priva di sponsor, ad esclusione di quello tecnico con cui abbiamo il piacere di lavorare da ormai cinque stagioni, ci porta nell’ottica di una maggiore sinergia dalle molteplici possibilità per chi vuole e può aiutarci», prosegue Indorato, che nello slogan “CompletiamolA2 Insieme” vede la possibilità di aumentare il numero degli sponsor, così facendo, rafforzare la presenza della squadra sullo scenario provinciale, e non solo.
A.Gaf.

© RIPRODUZIONE RISERVATA