Paralimpiadi, parola magica Maspero: «A Rio per far bene»
Fedrica Maspero

Paralimpiadi, parola magica
Maspero: «A Rio per far bene»

La dottoressa canturina pronta all’avventura su 400, 200 e 100 piani

Federica Maspero, medico classe 1978, è alla sua prima Paralimpiade, un’esordiente di quasi 38 anni che non dà importanza alla carta di identità: «Io non la guardo l’età anagrafica. – commenta –. Voglio far bene e basta. Nel nostro sport, l’età è davvero relativa. Ho fatto gare con ragazze normodotate di 20 anni e ho tagliato il traguardo prima di loro. Nello stesso tempo, sapevo che questa Paralimpiade era l’unico treno che potevo prendere, ormai sono 5 anni che corro e, rispetto a Londra 2012, mi sento sicuramente più pronta».

Il primo appuntamento per Federica sono i 400 metri, la gara sulla quale punta di più: 11 settembre a mezzanotte, ora italiana.

Le finali, sono previste per il giorno seguente alle 23. Per i 200 metri, invece, si dovrà aspettare la notte tra il 14 e il 15 settembre alle 00.40, mentre la finale è in programma per le 23.10 del 15 settembre. Infine, i 100 metri si correranno tra il 17 e il 18 settembre: alle 18 le batterie e alle 2 della notte seguente, la finale.

La lunga intervista di Elena Sandré sul quotidiano La Provincia in edicola martedì 6 settembre 2016.


© RIPRODUZIONE RISERVATA