Promogest, che test per le Rane Rosa «Il classico prototipo del match-trappola»
Il portiere Ginevra Frassinelli (Como Nuoto) (Foto by Cusa)

Promogest, che test per le Rane Rosa
«Il classico prototipo del match-trappola»

Domani alle 13 a Muggiò la nuova sfida della squadra femminile della Como Nuoto

Ore 13, piscina di Muggiò: va in onda l’ennesimo scontro al vertice. Cambia la sfidante, ma la capolista in serie A2 è sempre quella: la Como Nuoto in rosa.

Domani sale a Como, è proprio il caso di dirlo, la Promogest, squadra sarda che chiede per motivi logistici l’anticipo delle sue partite rispetto alle altre previste dal calendario, e così è pure per quelle che si disputano a Quartu Sant’Elena.

Par quasi che ci sia un disegno segreto, fatto sta che ogni match delle Rane Rosa ultimamente mette le avversarie nelle condizioni di nuocere. La Promogest ha battuto Padova, mentre le lariane si aggiudicavano il derby con Varese, sette giorni fa, così sono solo tre le lunghezze che dividono le due contendenti (Como Nuoto punti 15, Promogest punti 12 in seconda posizione).

«È il classico prototipo del match-trappolone – esordisce il tecnico della Como Nuoto, Stefano Pozzi – la Promogest è partita a fari spenti e godendo di relativa considerazione. Quattro vittorie e due sole sconfitte l’hanno portata però all’attenzione generale, e oggi dovremo stare molto attente, non sarà una partita facile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA